David, aggredito a Trastevere: "Farò denuncia con la maglia del Cinema America"

"Eravamo a San Francesco a Ripa, all'inizio erano in due, hanno iniziato a insultarci - racconta David Habib - e in pochi minuti da 2 sono diventati 4 e dopo una decina"

"Ringrazio tutti per la solidarietà, sono appena uscito dalla sala operatoria per l'intervento al setto nasale. Non appena mi dimetteranno andrò subito a sporgere denuncia e lo farò indossando la maglietta del Cinema America". Lo scrive in un tweet David Habib, uno dei quattro ragazzi aggrediti a Trastevere per "colpa" delle magliette del cinema America che indossavano,

Il giovane 20enne ha postato anche una sua foto dopo l'intervento con le bende al naso e il pugno chiuso. I fatti sono andati in scena nella notte tra venerdì e sabato. Secondo il racconto dei giovani ci sono state bottigliate, pugni, insulti e testate.

David Habib e i suoi tre amici avevano la maglietta bordeaux, simbolo del Cinema America e poi indossata, tra gli altri, anche da Jeremy Irons ieri sera per solidarietà. Con lui anche Valerio Colantoni, che su Facebook ha postato un video: "Sono appena uscito dalla stazione dei Carabinieri dove ho sporto denuncia e sto andando ora alla Polizia per il riconoscimento di alcune foto segnaletiche. Sia la Polizia che i Carabinieri hanno totalmente il nostro supporto e la nostra fiduci".  

Erano rasati, qualcuno con il doppio taglio. Due avevano tatuaggi ed "erano vestiti come quelli di Roma Nord", hanno raccontato le vittime.

"Eravamo a San Francesco a Ripa, all'inizio erano in due, hanno iniziato a insultarci - dichiara Habib - e in pochi minuti da 2 sono diventati 4 e dopo una decina, non siamo riusciti ne a scappare ne a difenderci, non ci hanno lasciato liberi nemmeno di andare via. È stato un assalto pieno di violenza, che non riusciamo a comprendere, noi non abbiamo nemmeno risposto alle loro provocazioni. Io non ho acconsentito a togliere la maglietta e la conseguenza è stata una testata sul naso, che domani devo operare d'urgenza. È evidente che avessero già deciso di aggredirci. Abbiamo avuto la sensazione che ci avessero seguito da Trilussa fino a piazza San Calisto", hanno raccontato i giovani. 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

Torna su
RomaToday è in caricamento