"Cucchi è stato ucciso". La Procura di Roma accusa i carabinieri di omicidio

I militari sono ritenuti responsabili del pestaggio che originò i problemi di salute che condussero al decesso di Stefano Cucchi nel reparto protetto dell'ospedale Sandro Pertini, il 22 ottobre 2009

Omicidio preterintenzionale. Per questa accusa la Procura di Roma ha chiuso l'inchiesta e depositato gli atti nei confronti di 3 carabinieri in relazione alla morte di Stefano Cucchi, avvenuta ad una settimana dall'arresto, nel reparto protetto dell'ospedale Sandro Pertini, il 22 ottobre 2009.

I militari sono ritenuti responsabili del pestaggio che originò i problemi di salute che condussero al decesso. Il pubblico ministero ipotizza anche il reato di calunnia ai danni di agenti della polizia penitenziaria. Gli inquirenti hanno ritenuto infondata l'ipotesi della epilessia, così come era emersa nel corso dell'ultima perizia. Nel complesso sono 5 i carabinieri sotto accusa.

Il pm contesta ai tre carabinieri il reato di omicidio preterintenzionale. Con loro sono accusati di calunnia, il maresciallo Roberto Mandolini, allora comandante della stazione dei carabinieri Appia (dove venne arrestato Cucchi) e i carabinieri Vincenzo Nicolardi e Francesco Tedesco. Per Mandolini e Tedesco, si contesta anche il reato di falso verbale di arresto.

 Inizia quindi un nuovo capitolo della vicenda Cucchi. La morte di Stefano è fino a oggi senza responsabili: tre giudizi di merito, uno di primo grado e due di appello, oltre ad una pronuncia della Cassazione, hanno infatti portato solo ad assoluzioni (definitive quelle degli agenti penitenziari in servizio nelle celle di sicurezza del Tribunale di Roma, confermate nei due giudizi di appello quelle dei sanitari del Pertini). Ora la storia andrà riscritta, da capo.


"Oggi è un giorno importante per il caso della morte di Stefano" dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e CILD. "Fin dal primo momento siamo stati al fianco di Ilaria Cucchi in questa sua lunga battaglia"."E' grazie al suo coraggio e alla sua tenacia se la verità su questo caso non è stata insabbiata". "Un ringraziamento va anche al procuratore Pignatone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ora - conclude Gonnella - ci auguriamo si vada dritti verso una sentenza che restituisca giustizia a Stefano, la sua famiglia e tutti noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento