Valle Galeria: ennesimo corteo contro la discarica a Monti dell'Ortaccio

Slogan contro la scelta del commissario Sottile. Ancora un sabato di passione per dire "no". Alemanno in prima fila in mascherina

Una protesta che non si è fermata nemmeno per i festeggiamenti del capodanno con una coppia che lo scorso 1 gennaio ha inscenato una dura protesta nei luoghi che dovrebbero ospitare la nuova Malagrotta. Esponenti del Movimento 'Cittadini liberi della Valle Galeria' saliti all'alba di capodanno su un traliccio dell'alta tensione annunciando i propositi del nuovo anno in relazione alla scelta del commissario Sottile di fare la discarica temporanea a Monti dell'Ortaccio.

CORTEO - Residenti della Valle Galeria che stamattina hanno dato vita ad un nuovo corteo partito alle 10 all'incrocio tra via della Pisana, via di Malagrotta e via di Ponte Galeria. "Basta discariche a Valle Galeria". E' il grande striscione che campeggiava nel luogo del ritrovo. Un corteo con una nutrita presenza di manifestanti promosso dal comitato Malagrotta, dai Cittadini liberi della Valle Galeria e da Cittadinanza attiva, a cui hanno aderito associazioni e forze politiche.

"REGIONE PULCINELLA" - Protesta di stamattina aperta nella notte con alcuni cittadini della Valle Galeria che hanno pensato di ricordare alla Regione Lazio di aver promesso la chiusura della discarica di Malagrotta, imbrattando i vari quartieri della Valle Galeria con manifesti che rassicuravano i cittadini riguarda l'imminente chiusura della discarica.
Nello striscione si legge "Chiediamo giustizia per la Valla Galeria" e si vede un Pulcinella impiccato per sottolineare che siamo tutti stanchi delle promesse, appunto, di Pulcinella. Un'altra iniziativa di protesta non violenta da parte di alcuni cittadini per ricordare alle Istituzioni, tutte, "che le osserviamo e che ci aspettiamo un forte impegno da parte loro per risolvere questo grande problema che affligge la Valle Galeria".

SINDACO ALEMANNO - Tra i manifestanti anche bambini ed anziani, alcuni indossano magliette bianche con su scritto "Chiediamo giustizia" e "Mascherine bianche". Su altri manifesti si legge: "Anche noi abbiamo diritto alla salute", "Riduzione unica soluzione". Alla mobilitazione anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno, in testa al corteo con la fascia tricolore ed in mascherina, che accolto sia da fischi che da applausi ha commentato: "C'é spazio reale per evitare Monti dell'Ortaccio. Sono qui a manifestare con voi". Gianni Alemanno che ha informato i cittadini di una lettera mandata dal ministro Clini alle istituzioni in cui "al termine si scrive che la completa attuazione delle misure disposte dal decreto, quello di nomina del supercommissario, consentirà di riconsiderare le disposizioni adottate dal prefetto Sottile in merito alla proroga di Malagrotta e alla realizzazione della discarica provvisoria di Monti dell'Ortaccio". "Questa affermazione del ministro Clini - ha proseguito Alemanno - dimostra che c'é lo spazio reale per evitare Monti dell'Ortaccio. Io sono stato sempre contrario a fare un'altra discarica a Valle Galeria. La discarica deve essere individuata fuori del comune di Roma, dove ci sono spazi per fare una discarica provvisoria in attesa di poter avere con la differenziata e il trattamento dei rifiuti una situazione diversa". "Questa puzza la conosco bene quando ero consigliere regionale alla Pisana, dal '90 al '94, era persino peggiore, questo è un incubo che dura da oltre 30 anni".

QUESTIONE RIFIUTI - Commentando gli sviluppi sulla questione rifiuti alla luce dell'arrivo di un supercommissario, Alemanno ha detto: "Prima Sottile doveva occuparsi solo della discarica provvisoria e c'era la tendenza ad individuarla dentro il comune di Roma, nonostante da anni io scriva che non esistono siti idonei all'interno del comune e che bisogna trovarli in provincia. Ora per fare questo il commissario può sostituirsi alla Provincia di Roma, che finora non si è assunta la responsabilità di dare un'indicazione chiara, alla Regione e al Comune di Roma. Concentra - ha concluso Alemanno - in un'unica persona, sotto il controllo del ministero dell'Ambiente, i poteri di tutti gli enti locali, quindi finisce il palleggio. Si può fare una strategia globale di smaltimento rifiuti. Noi, come Comune, ci impegniamo ad aumentare del 10% ogni anno la differenziata".

MANIFESTANTI - Nel corteo anche i presidenti dei municipi XV e XVI Gianni Paris e Fabio Bellini, oltre a diversi esponenti politici dall'europarlamentare Roberta Angelilli a Luigi Nieri, da Fabrizio Santori a Gianluca Peciola. "Stiamo qui per ribadire il nostro 'no' a Monti dell'Ortaccio - spiega Pippo La Cognata, esponente del Comitato uniti per la Valle Galeria -, vogliamo fare una manifestazione unitaria per far ritirare l'ordinanza. Oggi è un segnale che siamo in campo con tutta Roma. Lunedì mattina ci sarà una riunione tra Clini e le istituzioni e sulla base degli esiti decideremo come andare avanti". In un camioncino fermo in piazza sventolano due bandiere tricolori e sono appese alcune calze fatte con buste di immondizia con su scritti i nomi: Renata Polverini, Corrado Clini, Nicola Zingaretti, Piero Marrazzo, Francesco Storace, Gianni Alemanno e Goffredo Sottile. Anche un bambino interviene e al megafono dice: "ho diritto di crescere anch'io, basta discariche nella Valle Galeria". Un altro manifestante chiede dal palco "le dimissioni del commissario Sottile perché ha fallito. La lotta si fa dura - prosegue - noi non molliamo".

POLVERINI CONTRO DISCARICA - Io posso essere l'unica persona considerata dagli abitanti di quel sito come una che si è impegnata per evitare che si continuasse a insistere sulla Valle Galeria". Le parole dette all'Ansa dalla presidente dimissionaria della Regione Lazio, Renata Polverini, a margine di una riunione a via dell'Umiltà in merito alla proteste nell'area di Malagrotta. "Con il prefetto Giuseppe Pecoraro - ha ricordato - avevamo messo in campo una soluzione alternativa, non era mai successo. I fatti li ricordano tutti. Mi auguro che si possa scongiurare che in quella zona si continui col disastro ambientale. Mi auguro che l'Europa, come ha fatto in questi anni, faccia pesare questa cosa e mi auguro anche - ha concluso Polverini - che questa regione, con la responsabilità di tutti, che però in pochi abbiamo dimostrato, sappia creare un'alternativa". "Io non sono andata mai a manifestare. Credo che non bisognerebbe mai arrivare a tanto quando si è istituzione. Bisogna lavorare", ha aggiunto Polverini a chi le chiedeva perché lei avesse scelto di non partecipare alla manifestazione di Valle Galeria a differenzia del sindaco di Roma Gianni Alemanno.


 


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

Torna su
RomaToday è in caricamento