"Onore ai camerati caduti": all'Appio il corteo di CasaPound per onorare Acca Larentia

Polemiche per l'assenza di un rappresentante del Comune, poi il presidente del consiglio comunale De Vito spiega: "Un malore improvviso"

Foto Ansa - Alessandro Di Meo

Una cerimonia istituzionale al mattino, un corteo partecipatissimo nel pomeriggio e il "Presente" per onorare la memoria di Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e Stefano Recchioni. Quarantennale di Acca Larentia più partecipato che mai quello di ieri. L'effetto CasaPound si è fatto sentire, radunando nel quartiere Appio cinquemila militanti e simpatizzanti dei fascisti del terzo Millenio. Presenti numerose delegazioni provenienti dall'estero, con le bandiere degli stati di riferimento. Un corteo ordinato e pacifico che ha raggiunto via Acca Larentia, aperto da un grande striscione con la scritta "Onore ai camerati caduti". 

Impressionante la scenografia, con file ordinate a formare un lunghissimo serpentone che ha invaso la Tuscolana, a partire da Piazza Asti  fino alla via che ospitava la sezione missina. Quindi il "Presente", con centinaia di braccia tese a commemorare i tre camerati uccisi il 7 gennaio 1978. 

Il presente ad Acca Larentia

In mattinata la polemica politica. Una commemorazione con la deposizione di una corona d'alloro a nome del Comune. A depositarla i vigili e non un rappresentante dell'amminisrazione. Tanto è bastato ai rappresentanti di Fratelli d'Italia  Fabrizio Ghera capogruppo in Campidoglio e Andrea De Priamo consigliere comunale per attaccare: "Registriamo la grave assenza da parte dell'amministrazione Raggi, che stamane non ha inviato nessun rappresentante istituzionale a depositare la corona di fiori per i tre giovani ragazzi uccisi il 7 gennaio 1978. Da parte del Campidoglio una mancanza ingiustificabile, anche in questa occasione i grillini confermano la loro inadeguatezza". Anche l'ex sindaco Alemanno ribadisce: "Era prevista la presenza del Presidente dell'Assemblea capitolina Marcello De Vito che ha comunicato all'ultimo al cerimoniale la sua assenza, inaccettabile comportamento Campidoglio". 

corteo_casapound_appio

A spiegare l'assenza è il presidente del Consiglio Comunale, Marcello De Vito: "Al di là delle posizioni ideologiche, ricordare un grave episodio come la strage di Acca Larentia è doveroso per la memoria della nostra città e per la storia del nostro Paese. Purtroppo ho avuto un improvviso malore e non sono potuto essere lì presente come previsto. Dispiace che qualcuno voglia utilizzare la mia assenza per alzare un'inutile polemica contro l'Amministrazione capitolina". 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Parcheggi di scambio: dove si trovano

  • Cinema all'aperto a Roma: indirizzi e film in programma nell'estate 2019

  • Saldi estivi a Roma, manca poco: quando iniziano

  • Come ottenere il permesso Ztl

I più letti della settimana

  • Esplosione a Rocca di Papa: crolla la facciata del Comune, 16 feriti tra loro 3 bambini. Grave il Sindaco

  • Tragedia a Torvaianica: ragazzo di 17 anni morto affogato in mare

  • Viale Marconi: violentate e picchiate in strada. Aggressore fugge e viene investito

  • Meno di 300 euro andata e ritorno da Roma a New York: ecco il nuovo volo diretto

  • Torna #vialibera: domenica 16 giugno a Roma 15 chilometri di strade solo per bici e pedoni

  • Incidente A1: auto e tir forano gomme su una buca, maxi tamponamento fra 7 mezzi

Torna su
RomaToday è in caricamento