Narcos Preneste: fermati altri sei corrieri, sequestrati 13,5 chili di marijuana

I pusher trasportavano la droga sull'autobus. I fermi nel giro di 48 ore da parte della polizia

Parte della marijuana sequestrata dalla polizia al Prenestino

Ancora narcos nella zona del Prenestino Labicano. Sono sei i corrieri di marijuana arrestati dalla Polizia di Stato, nel giro di 48 ore, nell’ambito di mirati servizi contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. Individuato il canale di trasporto dai poliziotti, che nell'ultimo mese hanno fermato altri cinque trasportatori sequestrando 12 chili di sostanza stupefacente, gli spacciatori avevano escogitato un ulteriore sistema per muoversi eludendo i controlli delle forze dell'ordine: viaggiavano a bordo di autobus di linea dal vicino quartiere di Torpignattara alla Stazione Tiburtina. 

Il primo a finire in manette è stato un nigeriano di 26 anni, che, mentre si trovava a bordo di un mezzo pubblico, vista dal finestrino una macchina della Polizia, si è infilato tra i passeggeri per nascondersi. Questo comportamento non è sfuggito agli agenti che hanno fermato l’autobus e controllato l’uomo: all’interno di un trolley nascondeva ben 4,206 chili di marijuana. 

Portato negli uffici del commissariato Torpignattara, diretto da Giuseppe Amoruso, che ha coordinato i servizi, lo straniero ha iniziato a dare in escandescenza e ad autolesionarsi danneggiando anche una parete in cartongesso: giunte in ausilio una Volante e la pattuglia del commissariato Porta Maggiore, è stato prima accompagnato in ospedale e poi arrestato per detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti e denunciato per danneggiamento ai beni dello Stato.

Marijuana Torpignattara 2-2

Un altro nigeriano di 31 anni che adottava lo stesso modus operandi per spostarsi, è stato bloccato da una pattuglia del Reparto Volanti: fatto scendere dal mezzo a bordo del quale era salito, è stato trovato con 2,253 chili "d'erba" celati in una borsa frigo, 2 telefoni cellulari utilizzati per gestire l’illecita attività ed un foglietto con numeri di telefono e cifre.

Altri due corrieri, rispettivamente di 20 e 26 anni, sono invece stati arrestati dagli agenti del commissariato Torpignattara prima che salissero sull’autobus. Il primo, quando ha visto la pattuglia, si è infilato in una paninoteca ed ha poggiato a terra il suo zaino, cercando poi di allontanarsi: fermato, aveva 1,180 chili di droga nella sacca che voleva abbandonare. 

Mentre i poliziotti facevano entrare il primo trasportatore nella macchina di servizio, il "collega" che era alla fermata, ha cercato di scappare correndo via: raggiunto poco dopo, è stato anche lui arrestato con 1,130 chili di marijuana nello zaino e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

Gli ultimi due a finire in manette sono stati due uomini di 27 e 35 anni, sorpresi dagli investigatori dello stesso commissariato mentre, a bordo di un mezzo pubblico, trasportavano negli zaini 1,650 chili di "marija" il primo e 3.080 chili della stessa sostanza il secondo.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

Torna su
RomaToday è in caricamento