Ostia, abusi negli stabilimenti: sigilli a parte dello stabilimento Kursaal

Il blitz è scattato questa mattina intorno alle 10. A finire nel mirino dei vigili anche la vicina discoteca Barkabar e la boutique sulla spiaggia

Foto da Kurasaalvillage.com

Ancora controlli agli stabilimenti balneari di Ostia. Oggi è toccato allo storico stabilimento Kursaal, noto anche per la sua posizione centrale sul Lungomare Lutazio Catulo 36, a pochi metri dalla Rotonda. Gli agenti della Polizia Municipale, del X Gruppo Mare Ufficio di PG Edilizia, questa mattina alle 10 circa hanno effettuato i controlli nella struttura. 

GLI ABUSI - In particolare, è stata accertata la costruzione di una struttura coperta di circa 460 metriquadri adibita a palestra e "priva di qualsiasi titolo autorizzativo", una copertura con alluminio e teli della dimensione di 12 x 3 metri; un locale parzialmente interrato di 750 metriquadri, denominato "magazzino e falegnameria per manutenzioni", costruito in cemento armato con marciapiede in calcestruzzo, due ingressi con rampa carrabile, il tutto con assenza di titolo urbanistico.

Nell'area della storica piscina, nota per il famoso trampolino, erano stati realizzati altri due manufatti abusivi, rispettivamente di 25 metriquadri e di 30 metriquadri, ambedue per attività di somministrazione. 

ANCHE LA DISCOTECA - Un'altra costruzione abusiva accertata consisteva in una piattaforma in cemento di ben 250 metriquadri, coperti con tecnostrutture in alluminio e tessuto, destinata a somministrazione di alimenti e bevande, in riferimento alla discoteca Barkabar.

In difformità di un titolo edilizio del 1994, erano state invece accorpate alcune cabine spogliatoio e trasformate in spazi commerciali, creando ulteriori volumi di vendita non autorizzati dal punto di vista urbanistico. I vigili hanno emesso una informativa all'Autorità Giudiziaria.

I CONTROLLI - Proseguono, quindi, i controlli della Polizia Municipale, dell'Agenzia del Demanio e della Capitaneria di Porto. Lo scorso 27 novembre gli agenti del X Gruppo Mare misero i sigilli al ristorante dello stabilimento Le Dune.

Negli ultimi mesi accertamenti erano stati fatti accertamenti anche presso gli stabilimenti Tibidabo Beach, il Lido e il V-Lounge. Tranne qualche tettoia fuori norma o qualche passerella di troppo, però, non si era passati al sequestro delle intere strutture. Controllia anche per La Casetta, lo Shilling-La Rotonda, il Bettina, Salus e Med.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento