Roxy Bar: aggressione col metodo mafioso nel nome dei Casamonica, condannati i tre Di Silvio

Il gup di Roma ha condannato Alfredo, Vincenzo e Enrico Di Silvio che hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato

Sono stati condannati tutti con l'aggravante del metodo mafioso Alfredo, Vincenzo e Enrico Di Silvio autori dell'aggressione ai danni del titolare del Roxy Bar e di una giovane disabile lo scorso aprile alla Romanina. Dopo le richieste di condanna, il gup di Roma  Maria Paola Tomaselli ha condannato a 4 anni e 10 mesi di carcere Alfredo Di Silvio, a 4 anni e 8 mesi il fratello Vincenzo e a 3 anni e 2 mesi il nonno dei due, Enrico.

I tre hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato. I due fratelli erano accusati di lesioni e violenza privata, il nonno di minacce: a tutti era contestata l'aggravante del metodo mafioso. Il giorno dopo il raid al bar Enrico Di Silvio andò dai due aggrediti facendo il nome dei Casamonica per tentare di convincerli a ritirare la denuncia. 

Il video dell'aggressione al Roxy Bar

Oggi è prevista l'udienza davanti ai giudici della sesta sezione penale in cui è imputato il quarto componente del gruppo
responsabile del raid al Roxy Bar, Antonio Casamonica, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso, il quale però ha scelto di essere processato con rito ordinario. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento