L'avvocato di Burtone: “Alessio non voleva uccidere”

Parla l'avvocato: "In appello cercheremo di ridurre questa pena. I giudici oggi non hanno avuto il coraggio di concedere l'attenuante della provocazione"

Fabrizio Gallo, avvocato difensore di Alessio Burtone commenta la condanna a nove anni del suo assistito: “In appello cercheremo di ridurre questa pena. I giudici oggi non hanno avuto il coraggio di concedere l'attenuante della provocazione. Il mio assistito, Alessio Burtone, non voleva uccidere e questo lo hanno capito tutti nel processo".

"La corte - prosegue l'avvocato- non ha avuto il coraggio di riconoscere il reato di lesioni gravi. E' stato mantenuto l'iniziale impianto accusatorio. E' una sentenza metà e metà, possiamo dire. Ma alla famiglia ho anche spiegato che la fattispecie di lesioni può arrivare sino a 12 anni di condanna". Il penalista, parlando del suo assistiti, ha aggiunto che Burtone "aveva paura che arrivassero 20 anni. Questa notte non ha dormito. E' un ragazzo, finito in una cosa più grande di lui". "La cosa che ci soddisfa - conclude - è comunque il fatto che la tesi del pm non è stata assolutamente accolta. L'ufficio dell'accusa ha perso e va sottolineato. Perché il caso di Burtone non è quello di Doina Matei (la romena che ha causato la morte di una giovane colpendola con la punta di un ombrello) quella storia è tutta diversa rispetto ai fatti del processo che si è concluso oggi in primo grado". (Fonte Ansa)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Burtone è un violento e i suoi precedenti non depongono di certo a suo favore. Ora speriamo che si faccia tutti questi nove anni e che quando esca sia una persona cambiata e si renda finalmente utile alla società

  • Avatar anonimo di gio gio
    gio gio

    ma dove si e' visto o capito che burtone voleva uccidere? dove? il video fa capire che la spinta era x allontanarla dal momento che lei continuava a imprecarlo e magari chissa quale parolaccia gli ha detto, non dimentichiamoci che "" le persone dell'est"" sono particolarmente litigiosi, maleducati e incivili, il ragazzo ha avuto la sfortuna di trovarsi vicino alla persona, ma ! i rumeni o altri vengono ad insegnare a noi come dobbiamo comportarci a casa nostra? se a loro nn sta bene ( e sono ospiti) se ne stiano a casa loro xke nessuno li cerca o li vuole, nn basta dire che nn sono tt uguali, si x me son tt uguali m. e f., ne ho la riprova tt i giorni basta ricordarsi la ragazza romana uccisa con l'ombrello, nn dimentichiamoci nulla, dietro la  prostituzione ci sono loro, i furti loro, x strada con mancanza di sicurezza ci sono loro, ma che si deve fare, autodifenderci? se cosi dev'essere basta che ce lo dicano.

Notizie di oggi

  • Politica

    Cimiteri romani nel degrado: viaggio nella città che non rispetta i suoi morti

  • Cronaca

    "Ho ucciso mia madre", poi la scoperta del cadavere nell'intercapedine

  • Cronaca

    Spaccio, furti e degrado: "Il quartiere di San Lorenzo allo sbando"

  • Cronaca

    Meningite: catechista di Acilia ricoverata, scatta la psicosi tra i genitori

I più letti della settimana

  • Stop ai ladri d'appartamento, 10 regole per evitare i furti in casa

  • Roma, 25 marzo: manifestazioni, strade chiuse e divieti: tutte le informazioni

  • Blocco traffico Roma: domani niente auto nella fascia verde

  • Metro sabato 25 marzo: chiuse le fermate di Barberini, Spagna e Colosseo

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • E' morto Tomas Milian, addio all'ispettore Nico Giraldi

Torna su
RomaToday è in caricamento