Crack e cocaina al Quartaccio: la casa della nonna usata come deposito della droga

Quattro le persone arrestate dalla polizia. In una seconda casa trovata una raffineria

La sostanza stupefacente sequestrata dalla polizia al Quartaccio

Crack e cocaina in famiglia. A venderla marito e moglie, genero ed una conoscente. Un meccanismo collaudato quello attuato nella zona del Quartaccio. Qui, una 30enne romana, con la figlia minore per mano, si recava davanti l’abitazione della suocera in via Andersen, dove incontrava il marito, un 35enne romano che, dopo essere entrato in casa, usciva poco dopo e la riforniva di droga. La donna poi s’incamminava verso casa di una conoscente, una 37enne di Reggio Calabria, da li poco distante.  

Dopo giorni di appostamento gli uomini del Commissariato Primavalle, diretto da Tiziana Lorenzo, sono intervenuti e, sottoposto a perquisizione le abitazioni, hanno scoperto che, in quella della nonna paterna dove era presente il figlio 33enne romano, anche lui con un ruolo attivo nell’iter malavitoso, erano celati ingenti quantitativi di droga, mentre in quella della conoscente, era adibita una vera e propria raffineria, con materiale per la lavorazione e il confezionamento della sostanza stupefacente. 

Tutti e quattro i soggetti sono stati tratti in arresto e dovranno rispondere, in concorso fra loro, di produzione e detenzione di sostanza stupefacente aggravata dallo sfruttamento di minori.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

Torna su
RomaToday è in caricamento