Porta Furba, espugnato bunker dei Casamonica: 14 gli arrestati

I Carabinieri hanno arrestato cinque componenti del clan e altre nove persone per un totale di quattordici ordinanze di custodia cautelare in carcere. L'accusa è di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti

Duro colpo al clan dei Casamonica. I Carabinieri sono infatti riusciti ad espugnare la loro casa fortino in vicolo di Porta Furba, al Mandrione, che era in realtà una vera e propria centrale di spaccio di cocaina purissima. Quattordici le persone arrestate, di cui cinque membri nel clan e altri 9 associati.

Il blitz è scattato in mattinata. C'è voluto l'intervento dei vigili del fuoco per forzare la struttura, organizzata come un vero e proprio bunker. All'interno erano asserragliati, nel più totale silenzio, le 14 persone arrestate.

Per tutti l'accusa è di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. La casa-fortino rappresentava la centrale di spaccio di cocaina purissima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

  Nel buker la ricchezza era ostentata in ogni modo  

"In quella casa”, racconta un investigatore, “la ricchezza era ostentata: ad esempio c'erano costosi televisori al plasma in ogni stanza”. Un'attività redditizia (quasi 400 clienti al giorno), grazie alla quale i Casamonica erano riusciti a mettere da parte ingenti somme di denaro che venivano reinvestite in un rivolo di attività.

I carabinieri hanno sequestrato villette, un parco macchine con anche due Ferrari e alcune moto di grossa cilindrata. Sigilli anche all'Etò, una nota discoteca a Testaccio, i cui gestori risulterebbero appartenenti alla famiglia.

L'operazione, alla quale hanno preso parte anche i carabinieri della compagnia di Trastevere, ha portato all'arresto di una coppia di insospettabili impiegati del consiglio regionale del Lazio.

I due, L. L. e V. L., erano entrati in contatto con la famiglia di Porta Furba perché a loro volta svolgevano attività di spaccio nel centro di Roma, tra i locali della movida. Le intercettazioni hanno messo in luce che i coniugi nell'attività coinvolgevano il figlio di 14 anni. In base a quanto riferito dagli investigatori i due, anche a muso duro, imponevano al ragazzino di fare da corriere della droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagi: sono 2710 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, 2697 casi nel Lazio. A Roma 26 nuovi positivi: "Massima attenzione sul cluster del San Raffaele"

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

Torna su
RomaToday è in caricamento