Entra all'Unicredit e minaccia: "Datemi i soldi o mi faccio esplodere", ma la bomba è finta

Scene di panico questa mattina all'Unicredit di Setteville di Guidonia dove un 57enne ha minacciato di farsi esplodere con in vita una cintura esplosiva rivelatasi poi finta

Scene di panico, oggi 14 aprile, all'Unicredit di piazza Trilussa 28 a Setteville di Guidonia dove un uomo di 57 anni, mostrando una cintura esplosiva che si è poi rivelata finta, ha tentato di rapinare la banca.

"MI FACCIO ESPLODERE" - Tutto è iniziato intorno alle 12 quando l'uomo, ben vestito e con una ventiquattro ore in mano, è entrato nella filiale. Dopo pochi minuti poi, si è avvicinato allo sportello urlando: "Datemi i soldi o mi faccio esplodere. Moriamo tutti così". Ha detto scostandosi la giacca e mostrando una cintura con dei candelotti. 

PANICO IN BANCA - Immediato il fuggi fuggi dei clienti che, in pochi attimi, hanno abbandonato la filiale. All'interno, invece, oltre il personale sono rimasti i due agenti della sicurezza interna dell'Unicredit e un poliziotto in pensione che, nonotata la scena, ha allertato il 112. Sul posto si sono quindi precipitati i Carabinieri della compagnia di Tivoli.

LA FALSA BOMBA - In pochi attimi i militari hanno bloccato l'uomo. La cintura altro non era che una falsa bomba realizzata con delle candele in cera tenute insieme da un filo di furta e un interruttore come quelli della corrente casalinga. Il 57enne è stato arrestato per il reato di tentata rapina e portato al carcere di Rebibbia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

Torna su
RomaToday è in caricamento