Piazza Vittorio: cucine sporche e cibi senza tracciabilità, chiuso ristorante

La sospensione della licenza da parte degli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale in seguito alle verifiche della Polizia amministrativa della Questura di Roma

Cibi privi di indicazione sulla provenienza e tracciabilità, sporcizia e carenze in materia di sicurezza del locale. Questo quanto ha portato gli agenti del l I Gruppo "ex Trevi" della Polizia Locale di Roma Capitale, dopo le verifiche della Polizia Amministrativa della Questura di Roma, a chiudere un ristorante cinese di piazza Vittorio Emanuele II, all'Esquilino. 

Una pattuglia, durante i consueti controlli alle attività commerciali del quartiere, ha accertato il mancato rispetto di un provvedimento di chiusura emesso dalla ASL di zona dopo le verifiche della polizia che aveva disposto anche il sequestro degli alimenti, per una serie di gravi irregolarità emerse durante precedenti accertamenti della Polizia di Stato, trovando il ristorante etnico aperto con i clienti seduti al tavolo. 

Al termine delle verifiche sono stati apposti i sigilli e diffidato il titolare a riaprire prima del nulla osta da parte della ASL e dei tecnici competenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il monopolio di slot machine e scommesse del Re di Roma Nord, smantellato sodalizio dell'ex Banda della Magliana: 38 arresti

  • Il Romanzo Criminale di Primavalle: le confessioni di Abbatino e "Accattone" risolvono 4 omicidi

  • Salvatore Nicitra, il boss con la pensione d'invalidità: così l'ex della Banda della Magliana è diventato il re di Roma Nord

  • Manifestazione contro i vitalizi, Sardine in piazza e Lazio-Inter: bus deviati e strade chiuse nel week end

  • Amazon a Colleferro, ora è ufficiale. 500 posti di lavoro: ecco come candidarsi

  • Incidente in via Tiburtina, scontro tra camion e auto: morto un uomo. Grave il figlio

Torna su
RomaToday è in caricamento