Chiuso autolavaggio al Pigneto: dava lavoro a migranti senza permesso di soggiorno

Al gestore dell'autolavaggio è stata elevata una sanzione di oltre 7000 euro e la chiusura dell'esercizio commerciale per favoreggiamento dell'immigrazione irregolare

Un cittadino egiziano impiegava illegalmente connazionali giunti in Italia in maniera irregolare nel lavaggio di auto all'interno del suo negozio. Lo hanno scoperto gli uomini del commissariato di Porta Maggiore durante un normale controllo di un autolavaggio in zona Pigneto.

Due gli uomini intenti a lavare le auto all'interno dell'attività commerciale. Durante le verifiche messe in atto dai poliziotti, i cittadini egiziani sono risultati sprovvisti del permesso di soggiorno e quindi entrati in maniera irregolare in Italia. A seguito dell'ispezione, i cittadini stranieri sono stati fotosegnalati e affidati agli uomini dell'ufficio immigrazione per attivare tutte le procedure di espulsione. Per il titolare dell'attività è stata emessa una multa di 7.200 euro ed è scattata la denuncia per favoreggiamento e sfruttamento dell'immigrazione clandestina.

Gli agenti della Polizia di Stato dello stesso commissariato, unitamente a funzionari della locale Direzione Provinciale del Lavoro, notificavano al gestore, l’ordine di cessazione dell’attività con conseguente chiusura dell’esercizio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento