L'ultimo giorno di Malagrotta: rifiuti pronti a partire verso Nord ma non mancano le incognite

La chiusura della discarica nella Valle Galeria, il decreto per l'apertura di Falcognana non ancora firmato, le proteste dei cittadini. Ecco il puzzle dell'emergenza rifiuti romana

Le proteste a Falcognana. La firma di Orlando del decreto per permettere di portare i rifiuti sull'Ardeatina. E ancora. La storica chiusura di Malagrotta e le incognite che ancora devono essere sciolte sullo smaltimento dei rifiuti trattati nei Tmb del Colari. Infine i rifiuti dell'Ama che da domani partiranno per il Piemonte e L'Emilia Romagna e la protesta dei cittadini della Valle Galeria che per questa sera hanno indetto il lucchetto day. Senza considerare i cittadini che lamentano cassonetti pieni e sacchetti per strada. È un quadro complesso quello dell'emergenza rifiuti romana che, a poche ore dalla data fissata, presenta ancora qualche spazio per colpi di scena.

A partire dal fatto che, a distanza di poche ore, il ministro Orlando non ha ancora firmato il decreto che concede l'autorizzazione definitiva al conferimento di 100 tonnellate al giorno di rifiuti trattati a Falcognana nell'invaso che oggi ospita rifiuti speciali. Come ha più volte spiegato anche il presidente regionale Zingaretti, l'invaso è già attivo. Orlando firma il decreto e l'ora dopo si possono versare i rifiuti sull'Ardeatina. Decisive quindi le prossime ore. La decisione di Orlando non dovrebbe esserne influenzata, ma la crisi del governo non aiuta di certo. 

E alcuni nodi da sciogliere rimangono anche sulla chiusura della discarica di Malagrotta. Il proprietario della discarica, l'avvocato Manlio Cerroni, questa mattina ha portato le mani avanti, pubblicando su tutti i giornali una lettere aperta alle autorità in cui ha ribadito per l'ennesima volta come “Malagrotta sia la fortuna di Roma”. Resta da chiarire però dove finiranno le 700 tonnellate al giorno di rifiuti trattati negli impianti del Colari. Questa mattina Cerroni era atteso in Campidoglio. Una parte di questo materiale potrebbe essere utilizzato per il capping della discarica anche se dall'amministrazione si punta a farli portare fuori dal sito proprio come ha fatto l'Ama per i 'suoi'. E qui il problema riguarda le tariffe: portare i rifiuti in un luogo più lontano per Cerroni costa di più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto non si placano le proteste dei cittadini sia sul fronte Falcognana che su quello Malagrotta. Per quest'ultimo per questa sera alle 21 è stato indetto il 'Lucchetto Day'. L'appuntamento è tra via di Malagrotta e via di Casal Lumbroso. Dall'Ardeatina invece arriva un convinto 'No pasaran'. Questa sera alle 18 prenderanno il via diversi cortei che si riuniranno al presidio. Le proteste andranno avanti tutta la notte tra concerti rock, mostre fotografiche, una preghiera alla Madonna del Divino Amore per poi concludere con un saluto all'alba alle 6 del mattino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento