Bimba rom ferita: a sparare ex impiegato del Senato. Raggi: "Noi vicino alla famiglia"

Raggi e l'assessore Baldassarre, sono state accompagnate dal direttore sanitario del nosocomio, Massimiliano Raponi e dal direttore generale Ruggero Parrotto

Virginia Raggi al Bambin Gesù: foto agenzia Dire

È un italiano di 59 anni, ex impiegato del Senato, l'uomo che ha ammesso di aver sparato con un'arma da softair a Cirasela, la bambina rom di 1 anno su via Palmiro Togliatti il 17 luglio scorso intorno alle 14. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di via In Selci sono arrivati a lui grazie ad indagini di tipo tradizionale: passando al setaccio i negozi di vendita di questo tipo di armi sportive e incrociando i nomi degli acquirenti con le vie limitrofe a dove è accaduto il fatto.

I militari lo hanno individuato ieri sera e poi durante l’interrogatorio, alla presenza del suo avvocato, ha ammesso di aver esploso un colpo, partito a suo dire "accidentalmente". In casa, i Carabinieri hanno trovato e sequestrato una pistola e un fucile ad aria compressa.

L'uomo ha raccontato anche di aver acquistato queste armi in libera vendita. Ore è stato denunciato per lesioni personali aggravate dall'uso delle armi. Saranno ora i Ris di Roma ad effettuare ora le perizie balistiche e accertamenti sulle armi dell’uomo.

Cirasela, operata nei giorni scorsi all'ospedale Bambino Gesù, sta meglio. I medici hanno sciolto la prognosi, la piccola ha lasciato la Terapia intensiva ed è stata trasferita in Chirurgia generale. A preoccupare i medici, che hanno estratto il pallino di metallo dalla zona della scapola destra della piccola, una lesione vertebrale a livello dorsale con interessamento midollare. Per la valutazione effettiva degli eventuali danni è ancora presto, spiegano dalla struttura capitolina.

Nel frattempo ieri Virginia Raggi si è recata all'ospedale pediatrico dove ha fatto visita alla famiglia e alla piccola: "La visita è andata bene, siamo venuti a trovare la famiglia. In questo periodo c'è sempre stato un assistente sociale. Continueremo a star loro vicino e ci manterremo in contatto". 

Raggi e l'assessore alle Politiche sociali, Laura Baldassarre, sono state accompagnate nella visita dal direttore sanitario del Bambin Gesù, Massimiliano Raponi e dal direttore generale Ruggero Parrotto, con cui hanno anche tenuto un breve incontro in forma privata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I genitori della piccola Cirasela non hanno mai avuto dubbi sul fatto che la loro piccola fosse stata vittima di un colpo di pistola ad aria compressa. In questi giorni si è dibattuto molto sulla questione razziale tanto che la comunità comunità rom e sinta aveva anche scritto una lettera indirizzata al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Torna su
RomaToday è in caricamento