Cavalcavia sulla via Aurelia: il progetto è bloccato alla Regione Lazio

Bivio Ceri/Valcanneto ancora fermi i lavori per la costruzione del cavalcavia al bivio tra Aurelia e strada Doganale. Un opera che "solverebbe in modo permanente l’annosa questione" e che giace ferma presso la Regione Lazio

Ancora problemi per l’incrocio della via Aurelia all’altezza del bivio per Ceri /Valcanneto. Ad intervenire questa volta è il Sindaco di Cerveteri Gino Ciogli: “abbiamo appurato che la pratica per la costruzione del cavalcavia al bivio tra l’Aurelia e la Doganale in località Statua è fermo alla Regione Lazio. Abbiamo già interessato della spinosa vicenda l’assessorato regionale ai Lavori pubblici auspicando una maggiore sensibilità su una problematica che riguarda la sicurezza degli automobilisti”.

L’amministrazione comunale di Cerveteri ha deciso dunque di appurare dove sia finito il progetto che nel 2003 aveva ottenuto il via libera definitivo dalla Conferenza dei servizi. “È innegabile che l’attivazione del semaforo al bivio di Statua - ha proseguito Ciogli - pur creando rallentamenti, ha assicurato una maggiore sicurezza alla circolazione, tuttavia la costruzione del cavalcavia risolverebbe in modo permanente l’annosa questione”.

La battaglia per il cavalcavia sulla via Aurelia anima da tempo la vita politica del comune di Cerveteri e dei suoi cittadini che da diversi anni attendono la realizzazione dell’opera. Ripercorriamo le tappe che hanno portato all’attuale intervento del Sindaco della cittadina etrusca.

In passato è stato predisposto un progetto generale e risolutivo della attuale situazione viaria che consisteva nella realizzazione, verso la costa, di una variante all’attuale tracciato della statale Aurelia mediante la costruzione di una viabilità locale che avrebbe permesso il miglioramento delle condizioni di accessibilità alla via Doganale. 

L’importo stimato per la realizzazione dell’opera ammontava, nel 2003, a  circa 8.500.000 euro e per l’intervento era stato concordato con la Regione Lazio un finanziamento congiunto con l’Anas, infatti la Regione Lazio si faceva carico di un importo pari a 1.500.000 euro mentre l’Anas si accollava la rimanente cifra di 7.000.000 di euro. La progettazione dell’intera opera, sia a livello preliminare che definitivo, fu redatta dalla Regione Lazio. Il 10 luglio del 2003 si è tenuta presso gli Uffici della Regione la Conferenza dei Servizi, che ha preso in esame il progetto definitivo. Alla riunione parteciparono anche rappresentati dell’Anas che, in qualità di gestore della via Aurelia, espressero il loro preliminare assenso alla realizzazione dell’opera. Ci sono stati poi altri passaggi burocratici tra il 2004 e il 2005, fino alla predisposizione della delibera di autorizzazione a sottoscrivere l’Accordo di Programma, da sottoporre alla Giunta regionale.

Tale autorizzazione, da allora ad oggi, non risulta ancora deliberata. L’Anas ha inviato alcune lettere di richiesta di informazioni in merito ma dalla Regione Lazio non sono pervenute risposte. Il Comune di Cerveteri, nella persona del Sindaco e dell’Assessore ai Lavori Pubblici, assicurano che continueranno a seguire la vicenda per garantire ai cittadini una maggiore sicurezza nell’immissione sulla via Aurelia per chi proviene dalla via Doganale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Romanzo Criminale di Primavalle: le confessioni di Abbatino e "Accattone" risolvono 4 omicidi

  • Salvatore Nicitra, il boss con la pensione d'invalidità: così l'ex della Banda della Magliana è diventato il re di Roma Nord

  • Manifestazione contro i vitalizi, Sardine in piazza e Lazio-Inter: bus deviati e strade chiuse nel week end

  • Investito da un'auto mentre attraversa il Raccordo Anulare, morto un uomo

  • Incidente in via Tiburtina, scontro tra camion e auto: morto un uomo. Grave il figlio

  • Incidente in via Laurentina, auto si scontra con un camion: morta una donna

Torna su
RomaToday è in caricamento