Raid dei Casamonica: il barista non li serve per primi, picchiano lui ed una ragazza disabile

Le violenze sono avvenute la scorsa domenica di Pasqua in un bar alla Romanina. Distrutto il locale. Le due vittime costrette alle cure dell'ospedale

Via Salvatore Barzilai (foto google)

Sono entrati nel bar pretendendo di essere serviti per primi. In fila una giovane ragazza disabile che però ha osato parlare ed opporsi al sopruso. Poi le violenze con la giovane presa a cinghiate e calci al petto dentro al bar senza che nessuno muovesse un dito. Quindi il ritorno nel locale, per chiudere la questione, con il pestaggio del barista e la distruzione del locale. A dare il via alla domenica di sangue due appartenenti alla famiglia Casamonica. Le violenze lo scorso 1 aprile, giorno di Pasqua, in un bar alla Romanina, quartiere feudo della famiglia di origine sinti. 

Il video dell'aggressione alla ragazza disabile 

Ragazza disabile picchiata dai Casamonica

I fatti riportati per primi da Repubblica e confermati dalle forze dell'ordine, sono avvenuti in un bar di via Salvatore Barzilai domenica 1 aprile. La denuncia da parte della ragazza diverse ore più tardi, dopo che gli agenti di polizia del commissariato Romanina erano già intervenuti nel locale della Romanina dove era stato picchiato il barista. Motivo delle botte, il fatto che l'uomo, un cittadino romeno di 39 anni gestore del bar, non avesse servito per primi i due appartenenti alle famiglie Di Silvio e Casamonica, entrati nel locale per prendere le sigarette. Un affronto che il 39enne ha pagato con il sangue, per poi essere costretto alle cure del Policlinico Tor Vergata. 

Politica sotto choc, Raggi: "Aggressione inaccettabile"

Distrutto bar dai Casamonica in via Barzilai

Presa a cinghiate la ragazza e pestato il barista, i due uomini hanno quindi termiato il lavoro distruggendo il bar e poi allontanandosi a bordo di due auto, una Ferrari nera ed una Volkswagen Golf bianca. Ascoltato il barista questi ha riferito di non essere stato derubato di niente, ma di essere stato picchiato dai due che "rivendicavano la titolarità del territorio". 

Interrogazione di Fassina a Minniti

La notizia ha trovato il commento di Stefano Fassina, Deputato LeU e consigliere di Sinistra per Roma che afferma: "Stamattina, un quotidiano nazionale, riporta una storia agghiacciante avvenuta la domenica di Pasqua. Secondo la ricostruzione, due uomini appartenenti alle famiglie Casamonica e Di Silvio colpiscono a cinghiate una donna disabile e poi il barista di un bar a Via Barzilai, zona La Romanina, colpevoli entrambi di non avergli riconosciuto il rispetto dovuto sul "loro" territorio. La ricostruzione riporta anche minacce di morte sia alla donna e al barista picchiati, sia ai proprietari del bar in caso di conferma della denuncia dei fatti accaduti. Presentiamo oggi stesso una interrogazione urgente al Ministro dell'Interno per conoscere quanto avvenuto domenica primo Aprile al bar di via Barzilai e eventualmente quali misure intende prendere per garantire il primato della legge e dello Stato"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Ed io devo pure mantenerli quando soggiornano in galera.....sarebbe da metterli al muro subito, altro che!

  • questi non sono zingari, sono delinquenti è diverso.

  • Avatar anonimo di Marcello
    Marcello

    È successo il 1° Aprile e se ne parla solo adesso? Mmmmmm...

  • Vanto di Roma questa gente qui

  • Basterebbe poco per sterminarli...ma siamo in Italia, nel paese dei M5S e dei saltimbanchi, quindi, nulla cambierà.

  • dai su permettetegli ancora di delinquere a questi buoni a nulla

  • Ci vuole l'esercito in certi posti solo quello. Mettere in alcune zone lo stato militare. La guerra non si vince con i proclami o interrogazioni.... basta vedere i video del bar. Si sa che in alcune zone di Roma comandano loro. Le forze dell'ordine non vanno nemmeno a controllare in certe vie. Ma se immetti lo stato marziale in quella zona forse le cose cambiano. Ci vuole coraggio a fare una cosa del genere ma va fatta e non solo a Roma

    • Potrebbe bastare, come inizio, concedere con più facilità, "cum grano salis", il porto d'arma da fuoco dando la possibilità di difendersi da soli, l'attuale legge sulla legittima difesa appare sempre più anacronistica perché nella sostanza favorisce ingiustificatamente i criminali...

  • Che strano .. nessuno che scrive commenti...

  • un altro vanto della Capitale...

  • Arrestateli e lo Stato dia un segnale forte, una volta x tutti, applicando loro regime detentivo del 41bis, trasferendoli in altra regione

  • Baffetto dove sei li sistemava luiiiiiii

  • Ormai non li ferma nessuno questi. Fanno come gli pare perché lo stato glielo permette. E i cittadini onesti e civili sono ostaggi di questi loschi personaggi..non se ne può più..

  • Bla Bla Bla. I Casamonica e i Di Silvio sono decenni che fanno i padroni alla Romanina. Si sa dove abitano , si sa quello che fanno. Nulla cambia.

Notizie di oggi

  • Politica

    Ater, stop alle occupazioni: videoserveglianza per alloggi ed attività commerciali

  • Cronaca

    Violenza sessuale fuori la discoteca: la 21enne stuprata da tre ragazzi in uno sgabuzzino

  • Politica

    Spin Time Labs, la Procura apre un'inchiesta sul riallaccio della corrente

  • Cronaca

    Lavorare e "vivere tranquilli": la protezione dei Casamonica costa 10mila euro

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro, bus e Cotral a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Atac: domani stop serale di Roma-Lido e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Attivi bus navetta

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

Torna su
RomaToday è in caricamento