Porte girevoli alla Questura di Roma: Guido Marino in pensione, arriva Carmine Esposito

La nomina da parte del Consiglio dei Ministri. Primo banco di prova il derby di sabato 2 marzo

Carmine Esposito il giorno dell'insediamento alla Questura di Bari

Il Consiglio dei ministri ha nominato Carmine Esposito nuovo Questore di Roma. Proveniente dalla Questura di Bari, prende il posto di Guido Marino che andrà in pensione. Sessantadue anni, napoletano, era stato nominato Questore di Bari l'11 aprile del 2016. Il nuovo primo dirigente degli uffici di via San Vitale prenderà il posto del dottor Guido Marino, insediatosi negli uffici capitolini il 1° marzo di due anni ed aver ringraziato personalmente tutti suoi uomini in servizio alla Polizia di Stato di Roma. 

Primo banco di prova del nuovo Questore della Polizia romana il derby fra Lazio e Roma in programma allo stadio Olimpico alle 20:30 di sabato 2 marzo. 

Carmine Esposito è nato a Napoli nel 1957, dove ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e, successivamente, la laurea in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni. Entrato in Amministrazione nel dicembre del 1985, al termine del prescritto periodo di formazione è assegnato, nel dicembre dell’anno successivo, all’Istituto Superiore di Polizia.

Nell'agosto del 1988 è trasferito presso la Squadra Mobile della Questura di Napoli e, successivamente, al Centro Interprovinciale Criminalpol dello stesso capoluogo campano, ove presta servizio sino al 1994.

Carmine Esposito Polizia di Stato-2

Presso quell’ufficio investigativo il dott. Esposito porta a termine una serie di operazioni di polizia giudiziaria di notevole importanza, che consentono l’arresto di Rosetta Cutolo, superlatitante e sorella del noto boss della camorra Raffaele Cutolo, e del luogotenente dei cutoliani Sergio Marinelli, arrestato in Venezuela. In carcere finiscono anche numerosi affiliati al clan La Torre, insieme al capo clan Augusto La Torre, tra i più potenti della provincia di Caserta. Per quest’ultima operazione, nel gennaio del 1991, il dott. Esposito è promosso per merito straordinario alla qualifica di Vice Questore Aggiunto.

Dall’ottobre del 2000 viene trasferito alla Questura di Salerno con l’incarico di Capo di Gabinetto. Promosso Primo Dirigente con decorrenza 10 gennaio 2001, nel febbraio dell'anno successivo assume le funzione di Capo di Gabinetto della Questura di Palermo e,dall’agosto 2004, anche l’incarico di funzionario addetto alla sicurezza.

Nel 22 febbraio 2005, a seguito dell’istituzione della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, il Dr.Esposito è incaricato di curare le attività connesse all’istituendo Ufficio Affari Generali della menzionata Direzione.

Nell’aprile del 2008, gli vengono conferite le funzioni di Direttore reggente del Servizio Affari Generali della Direzione Centrale per gli Affari generali della Polizia di Stato. Dal marzo 2009, il Capo della Polizia lo nomina Capo Ufficio di Staff del Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza - Direttore Centrale della Polizia Criminale, con l’incarico di fornire diretta collaborazione al Vice Capo della Polizia nelle attività di verifica dell’efficacia delle misure di contrasto messe in atto dalle Forze di Polizia, sotto il profilo sia preventivo che repressivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel maggio del 2010 consegue la promozione al grado di Dirigente Superiore della Polizia di Stato e viene chiamato a guidare prima la Questura di Trapani, la Questura di Brescia ed infine quella di Bari. Dal 29 aprile 2016 il dott. Esposito è Dirigente Generale di Pubblica Sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento