Omicidio Verbano, parla la madre: “Comprarono silenzio del testimone”

La madre di Valerio Verbano ha rilasciato dichiarazioni su presunte pressioni esercitate su un testimone per farlo ritrattare. Secondo Carla Zappelli gli furono dati anche dei soldi

Carla Zappelli, la mamma di Valerio Verbano, intervista a Radio 24 rilascia delle interessanti dichiarazioni sull'omicidio del figlio, in particolare concentrandosi sull'identikit che si è pote'  realizzare con la testimonianza di un vicino di casa che avrebbe poi subito ritrattare perché spaventato: "Al testimone che fece l'identikit comprarono una casa per ritrattare tutto, lui si giustificò con mio marito e gli disse che aveva paura perché aveva un figlio."

"Ero riuscita a slegarmi - ricorda - e ad arrivare all'ingresso in tempo per vedere che a mio figlio usciva un rigagnolo di sangue dalla bocca e sussurrava: 'Aiuto mamma, aiuto' e io non ho potuto dargli nessun aiuto. Arrivarono i vicini, ci slegarono e ci tolsero il bavaglio dalla bocca. L'inquilino del piano di sopra stava salendo le scale e fu lui a fare l'identikit di due di loro. Quello che stava in camera con me, e che avevo intravisto quando aprii alla porta, era un biondo con i capelli ricci e un altro, che entrava nella nostra camera per chiedere al compare come andava, era piccoletto. L'altro, anche il signore delle scale non lo vide perché gli era sfuggito. Alle otto di sera, il vicino 'testimone' ci telefonò e disse a mio marito che era tornato in questura e aveva ritrattato tutto perché aveva paura. Dopo un mese questo signore si trasferì e ci dissero che aveva comprato una casa pagandola in contanti. Al testimone, contattato il giorno stesso, diedero una somma per stare zitto e ritrattare: un semplice impiegato non poteva di certo pagarsi un appartamento del genere", è il parere della donna. In merito al dossier realizzato dal figlio, la signora Verbano spiega: "Quello che hanno ritrovato o è una fotocopia dell'originale che aveva Valerio a casa o un'altra copia, perché all'originale di Valerio avevano strappato molte pagine: quando me lo mostrarono era ridotto a un quadernetto piccolo. Quello che ho visto sul Corriere della sera corrisponde alla calligrafia di mio figlio e di un suo amico che è morto. Dalla giustizia, dopo 31 anni, mi aspetto che esca la verità: fra due mesi ho 87 anni e ho fiducia finalmente. Voglio combattere ancora per la verità".
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

Notizie di oggi

  • Politica

    Il lungo lunedì di Ama: Cda e giunta straordinaria per sciogliere il nodo bilancio 

  • Salute

    San Camillo, la ministra Grillo manda i Nas al Pronto soccorso: "Sovraffollamento inaccettabile"

  • Cronaca

    Anzio, violenta la figlia per cinque anni: arrestato militare 45enne

  • Cronaca

    Autista Atac salva ragazza dal suicidio: la 20enne era pronta a lanciarsi nel vuoto

I più letti della settimana

  • Strade chiuse e bus deviati: il 14 febbraio attesi 5000 gilet arancioni. In serata la Lazio in Europa League

  • Roma, strade chiuse e bus deviati sabato 16 e domenica 17 febbraio: tutte le informazioni

  • Il Treno della Neve: da Roma a Roccaraso in carrozze d'epoca

  • La porta dell'autobus Atac si apre in corsa: passeggeri cadono in strada, un ferito

  • Sciopero, oggi a Roma bus di periferia a rischio. Gli orari e le linee coinvolte

  • Tragedia a San Giovanni: precipita dal sesto piano, morta 17enne

Torna su
RomaToday è in caricamento