Carabiniere ucciso, le indagini continuano: nuovo sopralluogo nella stanza dei due americani

Nei giorni scorsi nella camera di Elder Finnegan Lee e Christian Gabriel Natale Hjort erano stati trovati l'arma del delitto, nascosta nel controsoffito, e un flacone di psicofarmaco

Continuano le indagini in merito alla morte di Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso a Roma. I militari dell'Arma hanno lavorato per eseguire alcuni accertamenti nella stanza dell'hotel LeMeridien Visconti dove hanno alloggiato i due americani, Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort, accusati a vario titolo di con 11 coltellate, di cui Elder è reo confesso.

Secondo fonti della Procura, gli investigatori, alla presenza dei legali dei due americani e dei consulenti hanno recuperato e isolato tracce biologiche e papillari mentre tutti gli oggetti che erano nella stanza e nelle valigie sono già in mano degli investigatori. La stanza resta sotto sequestro. 

Accertamenti "irripetibili" nella stanza degli americani

Nei giorni scorsi nella camera 109 dell'albergo in zona Prati erano stati trovati l'arma del delitto, nascosta nel controsoffito, e un flacone di psicofarmaco utilizzato da Lee Elder. "Faremo accertamenti irripetibili", ha detto Massimo Ferrandino, avvocato di Rosa Maria Esilio, vedova di Cerciello Rega in diretta a Radio Crc.  

Le indagini sulla morte di Mario Cerciello Rega

"La vedova - ha aggiunto l'avvocato - è afflitta da un grandissimo sconforto, ma l'Arma le è vicina h24, cercando di sostenerla il più possibile. Le indagini continueranno poi nei laboratori del Ris, con tecnici e consulenti di parte.  Ci sentiamo totalmente tutelati da due magistrati che, con scrupolo e serietà, stanno portando avanti le indagini. Siamo sereni. L'estradizione non la prendo nemmeno in considerazione. Posso garantirvi che la difesa farà di tutto affinché ciò non accada. Mario - ha concluso Ferrandino - era il carabiniere che, in un anno, portava a termine più operazioni con successo nella propria caserma".

Il video della conferenza stampa completa

Che le indagini fossero continuate lo aveva annunciato anche il Procuratore Michele Prestipino nella conferenza stampa di ieri nella quale il comandante provinciale dei carabinieri Francesco Gargaro aveva sottolineato come il vicebrigadiere Rega fosse in "servizio" ma senza arma "lasciata nell'armadietto".

Il nuovo avvocato di Natale Hjorth

Nel frattempo Natale Hjorth ha nominato Francesco Petrelli come il nuovo legale difensore. L'avvocato Petrelli rappresenta anche il carabiniere Francesco Tedesco, il 'superteste' imputato nel processo in Corte d'Assise che riguarda il pestaggio in caserma subito da Stefano Cucchi la notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009.  

Elenco turni dei carabinieri

Tra gli atti acquisiti dalla Procura di Roma in relazione all'indagine sull'omicidio del vicebrigadiere Cerciello Rega c'è anche l'elenco dei turni delle presenze in servizio della Stazione Farnese. Lo scopo degli inquirenti è confermare la presenza in servizio di Cerciello e del collega Andrea Varriale nel turno da mezzanotte alle 6 del 26 luglio scorso.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

Torna su
RomaToday è in caricamento