Carabiniere ucciso, la vedova Cerciello: "Chiedo giustizia, non vendetta"

Per l'omicidio sono in carcere i due americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort

Mario Cerciello Rega

"Da vedova, di un servitore della nostra straordinaria Nazione, chiedo giustizia e non vendetta per il mio Mario. E sono certa che, il mio auspicio, verrà tramutato in realtà dal lavoro dei miei avvocati e dai giudici che, con tanto impegno quotidiano, hanno portato a termine brillantemente le indagini". E' quanto afferma, tramite l'avvocato Massimo Ferrandino, Rosa Maria Esilio, vedova del carabiniere Mario Cerciello Rega, ucciso la notte del 26 luglio scorso con 11 coltellate nell'aggressione in via Pietro Cossa, a Prati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l'omicidio sono in carcere i due americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort. Giovedì il gip ha disposto il giudizio immediato per i due è il processo inizierà il 26 febbraio prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus, 1901 casi positivi nel Lazio. A Roma trend dei contagiati in calo

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

Torna su
RomaToday è in caricamento