Carabiniere ucciso, la vedova Cerciello: "Chiedo giustizia, non vendetta"

Per l'omicidio sono in carcere i due americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort

Mario Cerciello Rega

"Da vedova, di un servitore della nostra straordinaria Nazione, chiedo giustizia e non vendetta per il mio Mario. E sono certa che, il mio auspicio, verrà tramutato in realtà dal lavoro dei miei avvocati e dai giudici che, con tanto impegno quotidiano, hanno portato a termine brillantemente le indagini". E' quanto afferma, tramite l'avvocato Massimo Ferrandino, Rosa Maria Esilio, vedova del carabiniere Mario Cerciello Rega, ucciso la notte del 26 luglio scorso con 11 coltellate nell'aggressione in via Pietro Cossa, a Prati. 

Per l'omicidio sono in carcere i due americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort. Giovedì il gip ha disposto il giudizio immediato per i due è il processo inizierà il 26 febbraio prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Scuole chiuse a Roma per maltempo: la decisione del Campidoglio

  • Non rientra a casa e i genitori denunciano la sua scomparsa: trovato morto dopo incidente stradale

  • Five Guys, il colosso americano di burger and fries inaugura a Roma

  • Incidente sul Raccordo Anulare: scontro auto-moto, morto centauro

  • Sardine a Roma, sabato la manifestazione: chiusa metro San Giovanni e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento