Bracconieri nel Parco Naturale Regionale: trovate tagliole ed armi da guerra

L'operazione antibracconaggio da parte del Servizio Guardiaparco dell'Ente Parco Monti Simbruini

Trappole e tagliole sequestrati nel Parco dei Monti Simbruini

Bracconieri pronti all'azione nel Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini. E' stato il personale di Polizia Giudiziaria  del Servizio Guardiaparco dell’Ente Parco a trovare e sequestrare armi, trappole, tagliole e munizioni nell'ambito di una indagine tesa a contrastare i casi di di bracconaggio e di avvelenamenti di fauna selvatica e domestica nell’Area protetta della provincia romana. 

Bracconaggio ai Monti Simbruini 

In particolare è stata effettuata un’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Tivoli, finalizzata alla ricerca di armi da fuoco, sostanze tossiche e trappole per la cattura di frodo di fauna selvatica.  L’intervento, eseguito da Guardiaparco e da personale di P.G. in aliquota alla stessa Procura, ha riguardato diverse perquisizioni in manufatti rurali ricadenti nel territorio montano del comune di Vallepietra (in provincia di Roma). 

Trappole e tagliole per la cattura di frodo della fauna selvatica

Durante le attività sono state rinvenute e sequestrate diverse armi da fuoco e da tiro detenute illegalmente, tra cui un fucile da guerra, alcune centinaia di munizioni di vario calibro, numerose tagliole e trappole illegali di vario tipo per la cattura di frodo di fauna selvatica, nonché resti biologici di esemplari di specie animali particolarmente protette. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contrasto ai bracconieri nel Parco Regionale dei Monti Simbruini 

Due persone sono state denunciate in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria. Una terza persona è stata deferita per detenzione illegale di fauna selvatica viva, che è stata anch’essa sottoposta a sequestro penale. Le indagini continuano e l’attività di contrasto al bracconaggio sarà intensificata ulteriormente dal Servizio Guardiaparco dell’Ente Parco con il supporto della Procura della Repubblica di Tivoli, a tutela del patrimonio ambientale pubblico costituito dalle risorse naturali e dalla fauna selvatica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: a Roma e provincia 7 nuovi contagi. Positiva al Covid19 famiglia proveniente dagli Usa

Torna su
RomaToday è in caricamento