homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Sgominata la banda degli smartphone, era dedita ai furti sotto la metro

Cinque le persone arrestate dagli investigatori di polizia. I malviventi operavano principalmente nelle stazioni adiacenti alla stazione Termini

La banda degli smartphone. E’ stato attraverso un’attenta e scrupolosa analisi dei filmati delle telecamere presenti nelle linee delle metropolitane A e B, che gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Viminale sono riusciti a risalire agli autori di una serie di furti avvenuti nell’ultimo periodo. In particolare è stata individuata e smantellata una vera e propria banda di criminali, composta da giovani nordafricani già noti alle Forze di Polizia per diversi precedenti penali, che si sono resi responsabili di furti e successivo riciclaggio di telefoni cellulari, I-pad,  I-phone e tablet di ultima generazione.

FURTO E RICICLAGGIO - Gli investigatori, coordinati dal dottor Antonio Pignataro, avevano constatato nell’ultimo periodo un incremento di questi furti ai danni  dei passeggeri delle metropolitane. I poliziotti hanno così pianificato e effettuato dei servizi di osservazione e perlustrazione nelle fermate a Termini e in quelle più vicine, riuscendo in poco tempo ad individuare 5 componenti della banda; è stato poi accertato che i malviventi, dopo aver commesso il furto, vendevano gli apparati elettronici ad acquirenti, spedendo a volte il “prodotto” addirittura tramite corriere postale nei Paesi dell’Est Europeo; sequestrati, e poi restituiti ai legittimi proprietari, quindici apparecchi elettronici provento della loro delittuosa attività.

ARRESTI A TERMINI NEL 2016 - Proseguono le indagini da parte degli agenti del Commissariato Viminale volte ad individuare il resto della banda. Complessivamente dall’inizio del 2016 sono stati 16 gli arresti e 37 le denunce nei confronti di altrettante persone responsabili di vari reati commessi nell’area della stazione Termini.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Economia

      Taxi introvabili e bus Atac vuoti: il congresso dei cardiologi complica i trasporti romani

    • Politica

      Olimpiadi Roma 2024, Raggi: "Olimpici non si nasce, si diventa"

    • Cronaca

      Incendio via della Magliana: fiamme vicino i binari, fermi i treni della Roma-Fiumicino

    • Economia

      Zuckerberg a Roma: di corsa tra Colosseo e Circo Massimo, poi incontra il Papa

    I più letti della settimana

    • Terremoto Amatrice: i nomi delle vittime

    • Terremoto Amatrice, morti sotto le macerie

    • Terremoto, nuova scossa avvertita anche a Roma: epicentro a Perugia

    • Roma, terremoto nel centro Italia: morti e feriti nel reatino. "Amatrice non esiste più"

    • Terremoto, in tanti vogliono fare i volontari: tutte le informazioni

    • Terremoto, Colli Aniene piange la piccola Fabiana

    Torna su
    RomaToday è in caricamento