homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Fermati i baby vandali che danneggiavano gli autobus: il più piccolo ha 10 anni

Sono tredici i casi di atti vandalici ed aggressioni sui quali la Polizia di Stato del commissariato Casilino ha avviato un'inchiesta. All'interno le immagini della baby gang

Sono stati fermati i baby vandali che danneggiavano gli autobus. Sono ben tredici i casi di atti vandalici ed aggressioni sui quali la Polizia di Stato del commissariato Casilino ha indagato.

Una inchiesta che si è avvalsa anche di meccanismi di collaborazione con Atac e condivisa nell'ambito dello specifico tavolo permanente voluto dal Questore Nicolò d’Angelo.

Grazie ai sistemi tecnologici installati dall’azienda sulle linee pù a rischio, gli investigatori del commissariato Casilino sono giunti all'identificazione di tre ragazzi di età compresa tra i 10 e i 13 anni. La vicenda ha fornito oggetto di una articolata informativa alla Procura della Repubblica anche per definire le responsabilità dei genitori dei ragazzi coinvolti.

>> IL VIDEO DEI DANNEGGIAMENTI <<

Atac, dopo essersi immediatamente attivata al fine di denunciare le attività illecite alle autorità competenti, si "costituirà parte civile" nel procedimento a carico della banda giovanile che, nelle ultime settimane, aveva preso di mira i bus procurato notevole disservizio alla cittadinanza e danni significativi all'azienda.

"Siamo grati alle forze dell'ordine - ha commentato il Direttore generale, Marco Rettighieri - che con quest'operazione hanno restituito sicurezza a diverse linee del trasporto pubblico, consentendoci di svolgere nuovamente con regolarità il servizio. L'azienda si costituirà parte civile nel procedimento a carico di questi giovani vandali. Speriamo che ciò serva a ricordare a tutti che non saranno tollerati comportamenti anti sociali che finiscono col ledere il diritto alla mobilità dei cittadini provocando inoltre danni economici al patrimonio pubblico".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Figli di puxxana, bisogna addrizzarli subito stî piccoli delinquenti...

  • Che devo da penzà....

  • mi è sfuggita la nazionalità

  • visto che di botte non li possiamo gonfiare, che paghino in modo salato i genitori.....e sono sicuro che a casa qualche schiaffo poi lo prenderanno.

    • Male due calci nel c...o NON hanno mai fatto male a nessuno!!! OVVIAMENTE che i danni siano pagati dai genitori allora si che pizzoni e calcioni nel deretano pioveranno come grandine!!!!

Notizie di oggi

  • Economia

    Taxi introvabili e bus Atac vuoti: il congresso dei cardiologi complica i trasporti romani

  • Politica

    Olimpiadi 2024, dal no al "sentiremo Malagò dopo l'estate". La Raggi prende tempo

  • Incidenti stradali

    Incidente ad Ostia: scontro tra un bus ed un'auto, un morto e tre feriti

  • Cronaca

    Incendio in una Casa Vacanze: quattro persone trasportate in ospedale

I più letti della settimana

  • Terremoto Amatrice: i nomi delle vittime

  • Terremoto Amatrice, morti sotto le macerie

  • Terremoto, nuova scossa avvertita anche a Roma: epicentro a Perugia

  • Roma, terremoto nel centro Italia: morti e feriti nel reatino. "Amatrice non esiste più"

  • Terremoto, in tanti vogliono fare i volontari: tutte le informazioni

  • Terremoto, Colli Aniene piange la piccola Fabiana

Torna su
RomaToday è in caricamento