Picchiavano e rapinavano ragazzi di Roma nord, in manette baby gang di studenti

Ad essere arrestati quattro minorenni di 16 e 17 anni. Due le vittime accertate, a Vigna Stelluti e Villa Borghese

Immagine di repertorio

Una baby gang di studenti che aggrediva e rapinava adolescenti nell’area tra Villa Borghese e piazza Mancini. Quattro giovanissimi, di età compresa tra i 16 e 17 anni, diventati l’incubo dei loro coetanei, sono stati identificati e arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma Flaminia, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P., del Tribunale per i Minorenni di Roma, con l’accusa di rapina aggravata in concorso.

Rapine a Vigna Stelluti 

Il provvedimento cautelare notificato nella giornata di venerdì dai Carabinieri scaturisce dalle risultanze investigative prodotte, a seguito di due precisi episodi avvenuti uno l’8 giugno e l’altro il 4 luglio scorsi. Il primo episodio è avvenuto verso le 21:15, nel quartiere di Vigna Stelluti, a Roma nord, dove un ragazzo romano è stato vittima di rapina ad opera degli arrestati. Al giovane la gang ha sottratto un cellulare e i soldi che aveva nel portafogli, dopo essere stato minacciato e poi colpito allo stomaco con un pugno.

Rapina a Villa Borghese 

Il secondo episodio è avvenuto verso le 21:30, a Villa Borghese. Alle vittime, 3 ragazzi, i 4 hanno sottratto, dopo averli accerchiati, soldi, collanine, orologi, capellini, cinture firmate, cellulari, minacciandoli di ritorsioni se avessero denunciato l’accaduto. Poi hanno colpito una delle tre vittime con un pugno al volto ed un calcio e sono fuggiti. Il giovane portato al pronto soccorso è stato medicato e dimesso con 10 giorni di prognosi.

Arrestata baby gang 

Dopo le denunce dei due episodi, i militari hanno avviato le indagini sulla base delle testimonianze raccolte e i presunti responsabili sono stati riconosciuti in foto e dunque individuati. La Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni ha  concordato con l’attività investigativa condotta dai Carabinieri chiedendo e ottenendo dal Gip l’ordinanza che dispone le seguenti misure cautelari: per due di loro l’obbligo di permanenza in casa, affidati alle loro famiglie, mentre, per gli altri due, visti i loro precedenti e la loro aggressività nonché l’evidente possibilità di reiterare nel reato, il collocamento in comunità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento