Rapine e aggressioni dal benzinaio sulla Pontina: sgominata una baby gang

I tre, due 15enni ed un minore di 13 anni, erano divenuti il terrore degli automobilisti in sosta al distributore di Castel Romano. Le indagini concluse dalla polizia

Rapine, aggressioni, furti e minacce con le armi. A destarle, nonostante la loro giovane età, 13 e 15 anni, una baby gang che era divenuta il terrore degli avventori di un distributore di carburante della via Pontina, zona Castel Romano. Le loro azioni criminali andavano avanti dallo scorso mese di luglio, quando sono cominciate ad arrivare le prime denunce negli uffici del Commissariato Spinaceto, diretto da Simone Macrì.

ORARIO CHIUSURA - Secondo quanto riferito dalle vittime i tre, giovanissimi, portavano a termine i loro colpi durante l’orario di chiusura della stazione di rifornimento, in alcuni casi fingendo di voler aiutare gli automobilisti per poi strappare dalle loro mani il denaro oppure, con un collaudato gioco di squadra, distraendo le loro vittime per rubavano il veicolo, fuggendo subito dopo verso il vicino campo nomadi, dove riuscivano a far perdere le loro tracce. Non solo, il branco non esitava a compiere rapine con la minaccia di armi, coltelli o con vere e proprie aggressioni fisiche.

AIUTI NELLA BARACCOPOLI - L’attività investigativa degli agenti della Polizia di Stato è apparsa subito difficile, sia per la estrema difficoltà di effettuare appostamenti in un luogo “aperto”, lontano da abitazioni, nelle vicinanze di una via ad elevato scorrimento, sia perché le azioni dei tre minori erano rapidissime, e si concludevano con la fuga verso la baraccopoli istituzionale di Castel Romano dove trovavano complicità.

CAPO DELLA GANG - Alla fine, però, l’attività dei poliziotti  ha dato i suoi frutti ed i tre sono stati identificati. L’Autorità Giudiziaria, poi, concordando con le risultanze investigative acquisite, ha emesso nei confronti dei tre, due 15enni ed un 13enne, le misure cautelari, grazie alle quali è stato tratto in arresto quello che può considerarsi il “capo” della baby gang, il quindicenne descritto come colui che dirigeva ed effettuava in prima persone dei veri e propri raid.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Moderatore, vorrei averti tra le mani. E capire quali sono le parole ritenute non adatte

  • Signora presidente della camera, qualche commento su queste risorse e sulla loro cultura da valorizzare?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Droga ed estorsioni col metodo mafioso, così "Zio Franco" controllava la zona di Montespaccato

  • Attualità

    VIDEO | Non c’è pace per la Valle Galeria, ecco dove sorgerà la discarica a Monte Carnevale

  • Politica

    Rom, dal censimento (già bocciato) ai campi romani voluti dalla Lega: tutte le fake news di Salvini 

  • Politica

    Il cinema America torna a San Cosimato: "Vittoria per la città". E due sere a settimana film in cuffia

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla Pontina: scooterista investito da tir, morto 60enne

  • Cassia bis: si getta dal ponte e finisce su furgone in corsa, morta una donna

  • Tragedia sulla via del Mare: auto si scontra con moto e si ribalta, un morto ed tre feriti gravi

  • Mezza Maratona di Roma: 21 chilometri in notturna, sabato con strade chiuse e bus deviati

  • Ostia: Noemi Carrozza muore in incidente stradale, nuoto italiano sotto choc. Addio a stella del sincro

  • Immersione fatale per un noto chirurgo ortopedico: morto Fabio Lodispoto, operava alla Mater Dei

Torna su
RomaToday è in caricamento