venerdì, 18 aprile 14℃

Baby gang in azione: sette rapine in una notte, 4 arresti

Notte di follia, violenza e criminalità per quattro giovani, tra cui un minore, poi arrestati dalla polizia. Una delle vittime ha un braccio rotto. A un diabetico hanno sottratto l'apparecchio per la misurazione del diabete

Redazione17 aprile 2012
4

È stata una notte di violenza e paura quella che hanno messo in piedi ieri quattro giovani arrestati al termine delle loro rapine ed aggressioni.
Hanno messo a segno sette rapine in una sola notte, con metodi violenti, dopo una serata trascorsa in un locale del quartiere San Lorenzo bevendo birra: loro sono quattro giovanissimi tra cui tre ventenni e un minore.

INDAGINI - Le indagini condotte dagli investigatori del Commissariato Salario Parioli, guidati dal Dirigente Antonio Pignataro, hanno consentito di chiudere il cerchio intorno alla 'baby gang', ricostruendo tutti i passaggi e le aggressioni messe a segno quella notte. Le rapine venivano precedute da violente aggressioni che hanno visto una delle vittime riportare anche la frattura di un braccio. Tra le vittime anche un diabetico a cui i quattro hanno addirittura sottratto l'apparecchio per la misurazione del tasso di diabete. I dettagli dell'operazione saranno illustrati nel corsod i una conferenza stampa che si terrà alle 11 nella sala Prisco Palumbo della Questura di Roma.

LA SERATA A SAN LORENZO - Una serata trascorsa tra ventenni in una discoteca di via dei Sabelli bevendo birra.  I quattro sono poi usciti, birre alla mano, e dopo poche chiacchiere hanno deciso di concludere la serata facendo una “rapina”. I quattro amici, due ecuadoregni, un peruviano e un tunisino, sono saliti su un furgone bianco e si sono diretti in zona Stazione Termini.

LE RAPINE A TERMINI - Intorno alle 23.00, in via Turati, hanno incrociato la loro prima vittima. Mentre due di loro sono rimasti nell’abitacolo, pronti alla fuga, gli altri due coetanei sono scesi e dopo aver aggredito e malmenato l’uomo gli hanno strappato dalle mani un computer portatile. Poi sono risaliti sul furgone, per poi ripetere lostesso “copione”, venti minuti dopo, nel parco di Piazza Dante. Questa volta, però, hanno derubato la loro vittima del telefono cellulare.

Annuncio promozionale

PARIOLI - Decisi a continuare il loro “passatempo”, si sono spostati in zona Parioli. A catturare l’attenzione della baby gang questa volta una coppia che camminava in strada. Dopo essere scesi tutti e quattro dal furgone, i quattro, dopo aver accerchiato la coppia hanno tentato di rapinarli. Il tentativo è andato male, però, perché la coppia non aveva niente di valore, e i baby rapinatori si sono dovuti accontentare  di un pacchetto di sigarette. La quarta vittima è stata individuata, dopo qualche minuto, in un ragazzo “munito” di borsa a tracolla. Dopo averlo raggiunto a bordo, lo hanno aggredito e, dopo averlo minacciato,  lo hanno costretto a consegnare loro il computer portatile e il telefono cellulare. Poi sono scappati.

IL FERMO - I quattro, che nel frattempo avevano tentato di rapinare la borsa ad un transessuale, alla vista degli agenti hanno tentato la fuga ma sono stati bloccati dopo pochi metri. A “fermarli” gli agenti del Commissariato Salario Parioli, che dopo la segnalazione arrivata al 113 dell’uomo aggredito in viale Parioli, si erano messi sulle tracce del furgone descritto dalla vittima, riuscendo ad intercettare il mezzo in viale Liegi. All’interno del furgone sono stati rinvenuti i computer e i telefoni sottratti alle vittime. In seguito alle successive perquisizioni nell’abitazione dei quattro, nell’abitazione di, G.K,  19 enne di origini tunisine,  sono stati rinvenuti circa 200 grammi di marijuana e dei bilancini di precisione.
Al termine degli accertamenti, i primi tre, di età compresa tra i 19 e i 22 anni, sono stati arrestati per rapina aggravata in concorso. Per il quarto ragazzo, minorenne, è scattata la denuncia in stato di libertà.
Sono in corso ulteriori indagini per accertare il coinvolgimento dei quattro ragazzi in altri analoghi episodi di rapina.


 

moby
rapine

4 Commenti

Feed
  • Avatar di leo

    leo e brutta a dirlo ma quando non si trova lavoro uno pur di vivere e guadagnare soldi e' costretto a rubare specialmente nel mezzogiorno a partire da un'età giovane.Queste vicende non mi sorprendono più

    il 18 aprile del 2012
  • Avatar di enrico veletti

    enrico veletti Il dramma in questa faccenda, come in tutte le altre, sapete qual'è: che la pensiamo tutti allo stesso modo: punizioni vere, dure, dissuadenti, pienamente risarcitorie e, quindi, davvero rieducative. Ma a quelli che sanno tutto, amano tutti, sono i più intelligenti e i più buoni di tutti e si ritengono gli unici depositari della democrazia , molto democraticamente non gliene pò fregà de meno di quello che pensa la maggioranza assoluta del paese. Ma la gente ha capito benissimo che se un pò di delinquenza è fisiologica, l'onnipotenza della malavita è dovuta esclusivamente alla connivenza e alla stupidità delle classi dirigenti

    il 17 aprile del 2012
  • Avatar di italo

    italo non solo trovo allucinante che si arrivi a pensare di fare tanto male per quella che gli avvocati difensori definiranno "bravata da poco", ancor più allucinante è il fatto che, in caso di incensurati, non si faranno neanche mezzo minuto di carcere. Già mi immagino le tante persone che invocheranno un tentativo di recuperarli e raddrizzare la loro poco retta via, ma secondo me, non bastano misure morbide, a questi 4 schifosi elementi della nostra sempre meno educante società bisogna levare tutto, macchina, motorino, patente, soldi, giochi, cellulari. Pignoriamo tutto quel che serve per risarcire vittime e società, facciamogli capire che chi sbaglia paga per davvero, non solo sui libri di diritto.
    Hai rotto il braccio ad una delle vittime? Ora paghi...
    Hai tolto il macchinario per la misurazione del diabete? Paghi, paghi caro, visti i rischi che hai fatto correre.
    DEVONO PIANGERE PER MESI E MESI E MESI, solo dopo siamo disposti a parlare di tentativo di recupero...non oggi. (scusate lo sfogo, ma sta diventando assurdo dover leggere notizie di questo tipo...)

    il 17 aprile del 2012
  • Avatar anonimo di Rozelnox

    Rozelnox non possiedo più pazienza ed energia alcuna in corpo per poter sopportare ancora queste vicende

    il 17 aprile del 2012