Assembramenti al Pigneto: chiusi due locali, non rispettavano le norme anticovid

Un terzo esercizio commerciale sanzionato per aver venduto alcolici oltre l’orario consentito

Foto Ansa

Assembramenti al Pigneto dove la Polizia ha chiuso due locali che non facevano rispettare i distanziamenti dettati dalle norme per contenere il contagio da Coronavirus. Il servizio straordinario di controllo nel corso del weekend da parte della polizia in collaborazione con il personale ispettivo della Asl Roma 2. 

In via del Pigneto, il titolare di un locale è stato sanzionato per la numerosa presenza di clienti che, sia all’interno che all’esterno del locale, non mantenevano la distanza di almeno 1 metro tra di loro. All’interno inoltre, sono state riscontrate numerose violazioni alle linee guida dettate dai protocolli attuativi per la sicurezza ed il contrasto alla diffusione del Sars-Cov2 emesse dalla Regione Lazio.

Oltre ad essere stata applicata la chiusura provvisoria per 5 giorni, sono state accertate violazioni della disciplina del commercio e dei lavoratori in nero con una sanzione di 12 mila euro.

Sempre in un locale in via del Pigneto, sono state riscontrate palesi violazioni alle linee guida dettate dai protocolli attuativi per la sicurezza ed il contrasto alla diffusione del Sars-Cov2. E’ stata dunque disposta la chiusura provvisoria dell’attività commerciale per 5 giorni e sono state contestate altre violazioni amministrative, tra le quali la somministrazione di bevande alcoliche oltre l’orario consentito, per un importo di 10 mila euro.

In via Ascoli Piceno, il titolare di un esercizio commerciale è stato sanzionato sia per il divieto di vendita di bevande alcoliche oltre le ore 22.00, in quanto sorpreso a vendere alcolici a 4 clienti oltre l’orario consentito, sia per la mancata chiusura alle ore 24.00, per un importo di 630 euro. In aggiunta è stata applicata la chiusura provvisoria per 5 giorni.

Ad apporre i sigilli nell'ambito di un servizio straordinario di controllo nelle zone della movida del V Municipio gli agenti del commissariato Porta Maggiore, diretto Irene Di Emidio. 

Assembramenti che non hanno riguardato solamente la zona del Pigneto ma anche quella della movida di Trastevere, dove è stata invece la Polizia Locale a chiudere tre locali dove non si rispettavano le norme antiCovid. A lanciare l’appello per il rispetto del distanziamento sociale la sindaca Virginia Raggi: “Gli italiani e i romani hanno dimostrato un grande senso di responsabilità in questi mesi. Ma adesso non è il momento di abbassare la guardia. È un appello che rivolgo in particolare ai giovani: il coronavirus non è stato ancora sconfitto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Capisco che dopo settimane di lockdown ora c’è la gioia di riassaporare la libertà. Ma questo non deve vanificare tutti gli sforzi fatti finora. Quindi - conclude la Sindaca Raggi - uscite la sera ma rispettate le regole. Una su tutte il distanziamento sociale per evitare una nuova diffusione di contagi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento