Cerveteri: Asilo di via Fontana Morella sotto sequestro

Lo scorso venerdì i carabinieri hanno apposto i sigilli, dichiarando inagibile la struttura. Costretti a casa oltre 60 bambini. Il Sindaco Ciogli però minimizza: “Invito i genitori a non farsi influenzare dagli allarmismi”

Situazione difficile per l’asilo comunale di via Fontana Morella a Cerveteri. Lo scorso venerdì infatti sono stati posti i sigilli alla struttura da  parte dei Carabinieri. Molteplici gli aspetti ritenuti non a norma dai militari, che per tutelare i bambini ed il personale docente, ne hanno imposto la momentanea chiusura. Si tratta di una situazione ancora da definire, ma ad oggi gli oltre 60 bambini che frequentavano la scuola si vedono costretti a rimanere a casa, con conseguenti disagi per le famiglie.

Sulla vicenda è immediatamente scoppiata una polemica politica che vede il Sindaco e la sua Amministrazione difendere la scelta di firmare la convenzione con la struttura oggi giudicata inagibile e l’opposizione che rivendica una politica più idonea per l’edilizia scolastica.

“Invitiamo i genitori dei bambini dell’asilo di via Fontana Morella a valutare con la massima serenità i fatti, senza lasciarsi coinvolgere dall’allarmismo lanciato da chi agisce nell’ombra soltanto per meri scopi propagandistici”, queste le parole del Sindaco Gino Ciogli, che ha voluto anche precisare alcuni aspetti riguardanti l’asilo stesso.

“Dall’ultimo resoconto presentato dalla Direzione didattica risultano frequentare il servizio convenzionato complessivamente 30 bambini di cui 17 al di sopra dei tre anni. Situazione che rientra pienamente nei parametri ministeriali, impegnando una superficie complessiva di 250 mq (17x7+13x10), a fronte di una superficie disponibile di 269 mq. Per quanto riguarda le rette di frequenza, le stesse, per i servizi convenzionati, sono state fissate in 130 euro per il tempo pieno ed in 100 euro per il tempo parziale, somme che sono state riconosciute dal Comune ed erogate in ragione del 50% sulla base del resoconto mensile. Vanno infine ridimensionate anche le preoccupazioni in merito alla sicurezza e alla salute dei bambini. Il fabbricato infatti era stato corredato del certificato di idoneità statica a completamento della pratica di condono edilizio sin dal luglio 2004 ed i locali avevano già ottenuto nell’ottobre 2007 il parere favorevole igienico sanitario della Asl Rm F a seguito di sopralluogo effettuato in data 9.10.2007”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Romanzo Criminale di Primavalle: le confessioni di Abbatino e "Accattone" risolvono 4 omicidi

  • Salvatore Nicitra, il boss con la pensione d'invalidità: così l'ex della Banda della Magliana è diventato il re di Roma Nord

  • Manifestazione contro i vitalizi, Sardine in piazza e Lazio-Inter: bus deviati e strade chiuse nel week end

  • Investito da un'auto mentre attraversa il Raccordo Anulare, morto un uomo

  • Incidente in via Tiburtina, scontro tra camion e auto: morto un uomo. Grave il figlio

  • Incidente in via Laurentina, auto si scontra con un camion: morta una donna

Torna su
RomaToday è in caricamento