menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Colpo da duemila euro alle Poste: arrestato rapinatore 60enne

La rapina venne messa a segno lo scorso 24 marzo all'ufficio di via Col di Lana a Monterotondo Scalo

Meno di una settimana. Tanto è durata la libertà del rapinatore che lo scorso 24 marzo sparì con 2mila euro da un ufficio postale di Monterotondo Scalo, Comune della provincia nord della Capitale. Ad essere arrestato con l'accusa di rapina aggravata dai carabinieri della Compagnia eretina un 60enne originiario di Caltanissetta già noto alle forze dell’ordine. 

LA RAPINA - L’uomo, con il volto travisato ed armato di pistola, aveva consumato lo scorso 24 marzo, intorno alle ore 13:00,  una rapina ai danni dell’ufficio postale di via Col di Lana di Monterotondo Scalo, asportando una somma di quasi 2000 euro.  Nella circostanza, il rapinatore era fuggito a bordo di un’utilitaria dileguandosi in direzione di Roma.

TROVATO SULLA PONTINA  immediate investigazioni e, soprattutto, la descrizione dell’autovettura con cui il malvivente aveva fatto perdere le sue tracce, consentivano ai militari di individuare l’uomo e di rintracciarlo, proprio mentre era alla guida del veicolo, in un’area di servizio della via Pontina all’altezza di Pomezia, Comune a sud della Capitale. 

PISTOLA A SALVE - Le successive perquisizioni consentivano di rinvenire una parrucca scura, una pistola a salve marca BRUNI 8 mm con caricatore e la giacca che indossava al momento della rapina. L’uomo, sottoposto a fermo di indiziato di delitto, è stato tradotto presso la casa circondariale di Velletri, a disposizione della locale Autorità Giudiziaria, che ha convalidato il fermo applicando la misura cautelare in carcere. 

PROSEGUO DELLE INDAGINI - Inoltre, sono in corso indagini per verificare le responsabilità dello stesso anche in merito alla rapina consumata lo scorso 18 febbraio sempre ai danni del medesimo ufficio postale.
 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

    • Cronaca

      Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

    • Cronaca

      Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

    • Cronaca

      Omicidio Nino Sorrentino, residenti sotto choc: "Una brava persona, ben voluta da tutti"

    Torna su