Soldi e diamanti per aggiustare sentenze: arrestati due magistrati in servizio a Roma

Si tratta di Michele Nardi, sostituto procuratore presso la Procura di Roma e Antonio Savasta, giudice a Roma. Con loro in manette anche due avvocati pugliesi, un imprenditore e un ispettore di Polizia

Associazione a delinquere finalizzata ad una serie di delitti contro la pubblica amministrazione, corruzione in atti giudiziari, falso ideologico e materiale per fatti commessi tra il 2014 e il 2018. Sono queste le motivazioni che hanno spinto la Procura della Repubblica di Lecce a firmare un'ordinanza che dispone l'arresto di sei persone. Tra loro spiccano i nomi di due giudici in forza alla Procura di Roma, in passato in servizio a Trani. Si tratta di Michele Nardi, sostituto procuratore presso la Procura di Roma e Antonio Savasta, giudice a Roma. Con loro in manette anche due avvocati pugliesi, un imprenditore e un ispettore di Polizia. 

"Il ricorso alla misura cautelare", si legge nel comunicato firmato dal Procuratore della Repubblica di Lecce Leonardo Leone de Castris, "si è reso indispensabile tenuto conto del concreto pericolo di reiterazione di condotte criminose e del gravissimo, documentato e attuale rischio di inquinamento probatorio".

Le indagini hanno svelato l'esistenza di un programma criminoso che attraverso il costante ricorso alla corruzione di pubblici ufficiali, assicurava favori nei confronti di facoltosi imprenditori, anche con l'intermediazione di esercenti la professione di avvocato. Secondo l'accusa i due magistrati avrebbero garantito esiti positivi processuali a imprenditori coinvolti in vicende processuali e tributarie in cambio di ingenti somme di denaro e in alcuni casi di gioielli e pietre preziose.

Ad incastrare gli arrestati prove di ogni tipo, dalle intercettazioni, alle confessioni di persone interrogate, l'analisi numerosi procedimenti penali trattati presso gli uffici giudiziari di Trani, registrazioni di conversazioni pervenute nel corso di incontro tra gli indagati, riscontri patrimoniali. 

La Procura di Lecce ha chiesto e ottenuto il sequestro di beni e conti corrente per un valore proporzionale a quello oggetto della corruzione.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • un vero schifo...

  • Che amarezza.

  • che schifo!

  • Hai capito a chi sta in mano la vita della gente!

  • Infam... I

  • Corrotti ovunque, mazzettari ladri

  • nei palazzi di giustizia ci sarebbe da fare una bella pulizia, di tipi loschi come questi ce ne sono tanti,meno male che ci sono anche loro colleghi onesti che li sbattono fuori.

    • Tipo una bella legge anticorruzione seria e incentivi alle intercettazioni!

Notizie di oggi

  • Politica

    Centri anziani al collasso: "Noi abbandonati dal Comune, senza regolamento e fondi inesistenti"

  • Cronaca

    Narcotrafficanti a Montespaccato, 18 arresti. Avevano legami con Ndrangheta e Sacra Corona Unita

  • Cronaca

    Padre ucciso dalla figlia a Monterotondo: Deborah torna libera. Per la Procura è legittima difesa

  • Politica

    Busta con un proiettile a Salvini: plico sequestrato al centro postale di Roma

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro, bus e Cotral a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Atac: domani stop serale di Roma-Lido e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Attivi bus navetta

  • Incidente Casilina: trovata morta sul marciapiede vicino alla Metro C, caccia al pirata della strada

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

Torna su
RomaToday è in caricamento