Borse schermate per derubare le boutique del centro storico: due arresti

La refurtiva è stata riconsegnata ai negozi derubati

Furti in serie nelle boutique del centro grazie a borse schermate per eludere le barriere antitaccheggio. L'espediente, però, non è bastato a passarla franca. Un cittadino iracheno di 27 anni e uno algerino di 33 sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso con l’utilizzo di mezzo fraudolento. A intervenire per bloccare lo 'shopping compulsivo' dei due senza fissa dimora, entrambi pregiudicati, sono stati i carabinieri della stazione di San Lorenzo in Lucina, da sempre impegnati nelle vie centrali con servizi ad hoc per scongiurare reati predatori ai danni dei numerosi esercizi commerciali della zona. 

Quando i militari hanno fermato i due per eseguire un controllo, è emerso che le loro borse erano state artatamente schermate con fogli di alluminio sovrapposti e inseriti in un’asola interna creata appositamente per eludere le barriere antitaccheggio dei negozi. La refurtiva, del valore di diverse centinaia di euro, è stata interamente recuperata e restituita ai responsabili dei negozi derbati, mentre i due ladri, arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso con l’utilizzo di mezzo fraudolento, sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

Torna su
RomaToday è in caricamento