Scacco alla banda di Prima Porta: così gestivano lo spaccio di Roma Nord

Sette le persone arrestate e un'altra sottoposta ad obbligo di presentazione in caserma. L'operazione al termine di una lunga indagine

Elicottero in volo sui cieli di Prima Porta questa mattina. E' scattata infatti all'alba una vasta operazione dei Carabinieri della Compagnia Roma Cassia volta a disarticolare una banda dedita allo spaccio nelle zona di Roma Nord. Sette arresti (uno ai domiciliari), un obbligo di presentazione in caserma e un totale di 17 persone indagate: questi i numeri i numeri del blitz. Gli arrestati sono ritenuti responsabili, in concorso e a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio e spaccio di cocaina.

Lunghe indagini 

L’attività investigativa dei militari è durata 6 mesi, con l’iscrizione nel registro degli indagati di 17 persone, ed ha permesso di infliggere un ulteriore colpo allo spaccio di stupefacenti a nord della Capitale. Ricostruito uno spaccato quotidiano dell’attività criminosa posta in essere da un gruppo di cittadini nordafricani ed italiani. Il sodalizio, con base nel quartiere di Roma “Prima Porta”, era capace di gestire un importante volume d’affari, nell’ordine di migliaia di euro, attraverso la vendita di diversi chili di cocaina al mese. 

Le intercettazioni 

Dopo una serie di arresti, avvenuti a fine 2016 con conseguenti sequestri di cocaina nella zona di Prima Porta, è scattata l’attività investigativa che ha portato gradualmente all’identificazione dei soggetti coinvolti nelle attività di spaccio. Nel corso dell’indagine è stato possibile riscontrare come gli indagati, per evitare che le forze dell’ordine potessero scoprire le loro attività criminose, adottassero numerosi stratagemmi. Avvalendosi di persone incensurate per lo spaccio al dettaglio, l’utilizzo di un linguaggio criptato nel corso delle conversazioni, di schede telefoniche intestate ad utenti fittizi ovvero cambi di tragitti o dei mezzi di trasporto per ostacolare eventuali pedinamenti, che comunque non gli sono valsi l’impunità.

I Carabinieri della Compagnia Cassia (2)-2

Una banda di italiani e nordafricani

L’indagine ha permesso di individuare un giovane tunisino quale referente principale del gruppo, che si avvaleva di connazionali e persone fidate, anche nella sua cerchia familiare, per la gestione delle diverse piazze di spaccio, i quali a loro volta, oltre a spacciare personalmente, si avvalevano di “corrieri” per la vendita ai clienti che li contattavano. La fiorente ed intensa attività illecita del gruppo, disarticolato questa mattina, era organizzata in ogni suo aspetto, con la suddivisione in zone, nelle quali erano individuati dei responsabili che, in caso di azioni di contrasto da parte delle forze dell’ordine, rispondevano personalmente delle perdite di droga al capo del sodalizio criminale.

Clienti di Roma Nord 

Numerosi abitanti provenienti da diversi quartieri di Roma Nord sono risultati i principali acquirenti dello smercio di cocaina, trattandosi perlopiù di persone che frequentavano la piazza ed i locali dove stanziavano i pusher.  Durante le indagini i Carabinieri della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato in flagranza di reato 3 persone, segnalato 14 assuntori abituali alla Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Incidenti stradali a Roma, giovedì di sangue: tre morti e una bimba di 10 anni in gravi condizioni

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento