Piazza di spaccio attiva h24 e un numero di telefono dedicato per 300 clienti: sgominata una banda

Lo spaccio al dettaglio avveniva senza soluzione di continuità nell'arco delle 24 ore, con una vendita media giornaliera di circa 50 dosi di cocaina

Almeno 300 clienti abituali, dosi di cocaina vendute h24 e cinque arresti. Questi alcuni numeri di una operazione dei Carabinieri della Compagnia di Bracciano che hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Tivoli -Ufficio GIP - a carico di tre albanesi (in carcere) e due italiani (agli arresti domiciliari), ritenuti responsabili, a vario titolo ed in concorso, di spaccio di cocaina nel comune di Campagnano di Roma.

L'attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Tivoli, ha permesso di far emergere gravi elementi di colpevolezza in capo a tutti gli arrestati, nonché la centralità di piazza Cesare Leonelli, quale principale teatro dell'attività delittuosa.

In quel luogo pubblico, i 3 albanesi avevano avviato un florido mercato dello droga che poteva contare su oltre 300 clienti abituali e che utilizzava spesso un bar, quale base d'appoggio per la gestione degli affari e delle cessioni, il tutto con la connivenza di un titolare dell'esercizio commerciale. Proprio il gestore del bar, oltre a mettere a disposizione il suo locale, insieme ad un altro cittadino italiano coadiuvava fattivamente i pusher stranieri, procacciando per loro nuovi acquirenti.

Il video dell'operazione

Lo spaccio al dettaglio avveniva senza soluzione di continuità nell'arco delle 24 ore, con una vendita media giornaliera di circa 50 dosi di cocaina ed un introito quotidiano di 1.800 euro.

Per l'acquisto dello stupefacente, all'assuntore bastava chiamare un numero di cellulare "dedicato" oppure prendere contatti fisicamente con gli spacciatori, di fronte al bar. Quest'ultimi successivamente avrebbero provveduto ad indicare al cliente il luogo dello scambio: lo stesso bar, il parcheggio comunale o uno dei vicoli limitrofi.

L'indagine, svolta con il supporto di mezzi tecnici, ha permesso di accertare evidenti e specifiche responsabilità a carico dei componenti del gruppo, anche attraverso numerosi riscontri agli acquirenti della piazza di spaccio. In particolare, la posizione di uno degli indagati è aggravata dal fatto di aver ceduto sostanza stupefacente ad una donna in cambio di prestazioni sessuali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

droga sesso1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento