Arrestato Guerino Casamonica, ricercato da giugno: fermato mentre andava a messa

Il 37enne deve scontare una pena di 11 anni di carcere

Il blitz dei carabinieri

Lo hanno fermato mentre si recava a messa in una chiesa di Capena. Finisce la latitanza di Guerino Casamonica. L'uomo dal mese di giugno, dopo l’emissione da parte della Procura Generale presso la Corte di Appello di Roma che lo condanna a più di 11 anni di carcere per sequestro di persona a scopo di estorsione e lesioni personali, era sparito dalla circolazione e aveva fatto perdere le sue tracce allontanandosi dalla sua abitazione di Frascati.  Ma i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati gli hanno dato la caccia seguendo gli spostamenti dei familiari, in particolare della moglie e dei due figli.  

Fermato mentre andava a messa a Capena 

Così dopo settimane e settimane di servizi di appostamento e pedinamento, sono riusciti ad individuarlo con certezza alle porte di Roma. Una volta riconosciuto dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati, in una cornice di assoluta sicurezza è scattato il blitz ed è stato bloccato mentre si stava recando a messa nella chiesa di Capena, Comune della provincia a nord di Roma, in compagnia di moglie e figli. 

Arrestato Guerino Casamonica 

Guerino Casamonica, 37 anni, ricercato dal 27 giugno 2017, data in cui la Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma ha emesso nei suoi confronti un ordine di esecuzione, dovendo espiare una condanna per più di 11 anni di reclusione per sequestro di persona a scopo di estorsione e lesioni personali, è stato arrestato e condotto in carcere a Rebibbia; aveva trovato ospitalità presso la sede di un’Associazione di solidarietà sociale e di servizi assistenziali con sede nel limitrofo comune di Morlupo, all’interno di una palazzina dove sono presenti anche abitazioni private.

Estorsione e sequestro di persona

I fatti a cui si riferisce la condanna sono riconducibili al mese di marzo 2011 quando i Carabinieri lo arrestarono insieme ad altre tre persone, in flagranza di reato: avevano sequestrato a Roma due uomini, un colombiano di 32 anni e un romano di 50 anni, al fine di indurli con violenza e minacce a restituire un’ingente somma di denaro [150 mila euro]; i parenti dei due malcapitati erano stati contattati e minacciati affinché provvedessero a pagare una prima tranche di 30 mila euro in contanti per ottenere la liberazione dei due. 

Casa ad Anagnina 

Le immediate indagini sviluppate dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma consentirono di localizzare l’abitazione dove, da oltre 2 giorni, erano stati rinchiusi e trattenuti i due malcapitati (sita in via Maso Fininguerra - zona Anagnina). 

Tensione con i carcerieri 

Nel corso del blitz per liberare gli ostaggi non mancarono momenti di tensione in quanto uno dei “carcerieri” era armato di una pistola semiautomatica cal. 7,65. I due sequestrati si trovavano all’interno di una stanza appositamente allestita per la loro custodia e presentavano vistose ecchimosi al volto e su tutto il corpo causate dalle percosse subite nel corso del sequestro. 

Ostaggi feriti 

Fortemente impauriti per il trattamento subito dai 4 carcerieri, i due uomini furono soccorsi e trasportati in ospedale per le cure del caso [uno dei due fu anche ricoverato a seguito delle gravi lesioni agli occhi e al naso].

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • incredibile,,,,certi soggetti vanno pure in chiesa

    • In chiesa non vanno solo le brave persone, infatti anche i delinquenti ci vanno.

  • Gente inutile che viene oltretutto a spese del Popolo sfamata nelle carceri. Ai lavori forzati andrebbero condannati per il terrore che hanno infangato da nord a sud come per imprenditori e piccoli commercianti onesti che con dignità denunciano questi soggetti noti alle forze dell'ordine

    • Fai una proposta di legge in tal senso, se ne sei convinto.

  • Ma guarda un po la solita associazione coop rossa..oggi i casamomica tra 15 anni al loro posto ci saranno nomi più etnici

    • "aveva trovato ospitalità presso la sede di un’Associazione di solidarietà sociale e di servizi assistenziali“: non mi risulta che le "coop rosse" offrano questo tipo di servizi, molto più facile che sia un'associazione religiosa...

    • Probabile, è naturale che sia così, d'altra parte mi sembra che anche tu sia libera di andare un po' dove ti pare nel mondo, oppure no? I "nomi etnici" che dici tu aumenteranno sempre più e sarà solo uno dei modi più facili per capire che il mondo non è composto da razze, ma da persone.

      • Si ma la mafia Nigeriana sta prendendo piede sempre di più..ah già è nigeriana non se ne può parlare se no poi...

  • almeno 11 anni sì , ma per gamba quindi 22.

  • Vanno pure a messa, perché accanirsi contro certe persone?

  • casamonica sono tutte brave persone , come dissero nelle interviste dopo il funerale a roma due anni fa.... si brave brave, gente che lavora , e che non centra niente col crimine

  • "noi siamo brave persone" mi ricordo l'intervista quando ci fu il funerale di quell'altro zingaro.... è si proprio brave persone

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Acilia: scoppia incendio in cucina, morto un anziano. Appartamento posto sotto sequestro

  • Cronaca

    Funerali di Lorenzo Sciacquatori, gli amici: "Sei un grande". Assente la figlia Deborah

  • Politica

    Vincono gli ambulanti: il M5s ritira la delibera che trasformava le rotazioni in posti fissi

  • Cronaca

    Lo sciacallo della Tiburtina incastrato da un tatuaggio: "Ora perderò il posto di lavoro?"

I più letti della settimana

  • Pesciolini d'Argento: cosa sono, come si formano e i segreti per eliminarli

  • Tor Pignattara: cadavere trovato in strada, è morto Saor il trapper di Centocelle

  • Lo sciacallo della Tiburtina incastrato da un tatuaggio: "Ora perderò il posto di lavoro?"

  • Roma, maratone ed eventi sabato 18 e domenica 19 maggio. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sulla via Tiburtina: investito da un tir, morto un ciclista

  • Ciclista investito, ucciso e derubato su via Tiburtina: preso lo sciacallo

Torna su
RomaToday è in caricamento