Psicosi terremoto ai Castelli: veggente denunciata per procurato allarme

Nelle scorse settimane l'allarme di un terremoto ai Castelli aveva creato il panico. La "veggente" che ha messo in giro la notizia è stata denunciata

Nei primi giorni del mese di maggio, qualcuno aveva messo in giro la notizia di un imminente terremoto che avrebbe coinvolto la zona dei Castelli Romani. Da lì a poco, con un tam tam che è passato per il web, si è diffuso il panico tra la cittadinanza di Albano Laziale che ha cominciato ad intasare i centralini del Commissariato, dei Carabinieri e del Comune.

La previsione ha subito generato in un isterismo collettivo ma la polizia è riuscita a trovare la fonte che ora dovrà rispndere del reato di procurato allarme. Si tratta di F.G. , 58enne di Albano laziale.

La donna, convocata presso gli uffici di Borgo Garibaldi, ha detto agli investigatori di essere una sensitiva e di aver previsto, riconducendosi ad un complicato calcolo originato dal calendario dei Maya, che alle ore 12 dell'11 maggio scorso sarebbe avvenuta una grave calamità sismica in tutta l'area Castellana.

F.G. si era premurata di esternarne le sue previsioni alla Santa Sede, a direttori di giornali e, per posta elettronica, a persone di sua conoscenza. Al termine delle indagini la donna è stata denunziata per procurato allarme ed ammonita a non porre in essere tali avventate azioni prive di alcun fondamento scientifico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Scuole chiuse a Roma per maltempo: la decisione del Campidoglio

  • Non rientra a casa e i genitori denunciano la sua scomparsa: trovato morto dopo incidente stradale

  • Prendevano la pensione dei genitori morti vent'anni fa: danni all'Inps per 3 milioni di euro

  • Five Guys, il colosso americano di burger and fries inaugura a Roma

  • Incidente sul Raccordo Anulare: scontro auto-moto, morto centauro

Torna su
RomaToday è in caricamento