Colleferro: allarme moria di vitelli, allertati i Nas

Allarme per la moria di vitelli e agnelli a Colleferro. La sottosegretario alla salute Francesca Martini ha incaricato i Nas di verificare quale agente inquinante stia avvelenando il terreno

pecore3_3A Colleferro è allarme per l'inquinamento del terreno che sta provocando una strage negli allevamenti di vitelli e agnelli. Qui, una sostanza o più, sarebbe penetrata nel terreno contaminandolo tanto da provocare la strage tra gli animali d'allevamento. Il sottosegretario alla salute Francesca Martini ha incaricato i Nas di verificare quale agente inquinante stia avvelenando il terreno e gli animali nella zona.

A seguito della notizia e delle immagini riportate da alcuni organi di stampa di animali che "muoiono tra atroci sofferenze e con la bava alla bocca", la sottosegretario ha detto di ritenere che "vi sia una contaminazione del territorio che sta portando a una situazione grave per gli animali, ma anche per tutta la filiera alimentare", e potenzialmente anche per l'uomo. La Martini ha precisato di aver chiamato il generale dei Nas Cosimo Piccinno per essere informata, studiare quali soluzioni prendere e verificare al più presto quale agente contaminante del territorio stia avvelenando gli animali a Colleferro. "Già domani - assicura la Martini - dovremmo avere qualche risultanza. La situazione è di massima allerta".

GUARDA IL VIDEO CHE DENUNCIA LA MORIA DI VITELLI E AGNELLI

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

Torna su
RomaToday è in caricamento