Allarme bomba sul treno: evacuati passeggeri della linea regionale

A far scattare la procedura d'allerta un Power Bank a forma di bomba ananas

Il power bank che ha fatto scattare l'allarme bomba

Una bomba ananas in terra sulla porta di accesso del treno regionale. Questo quanto ha gelato il sangue ai passeggeri del treno regionale Cesano - Roma Tiburtina poco prima dell'arrivo alla stazione Valle Aurelia. L'allerta ai soccorritori da parte del capo treno intorno alle 20:55 di lunedì 16 settembre. 

Immediate sono scattate le procedure di emergenza con l'arrivo sul posto della PolFer e l'immediata evacuazione dei passeggeri presenti sul treno 7459 e delle persone presenti su entrambe le banchine ed alla stazione Valle Aurelia.

Alla stazione ferroviaria sono quindi intervenuti gli agenti della Polizia Ferroviaria, le Volanti e gli artificieri della Polizia di Stato con l'ausilio del robot. Ispezionato l'ordgino lo stesso si è poi rilevato essere un Power Bank "caricabatterie bomba a mano granata per smartphone", come si legge nella presentazione dell'oggetto in vendita sul web. 

Il falso allarme bomba è rientrato intorno alle 22:30 con la riattivazione della linea. A parte l'appresione dei passeggeri nessun treno è stato soppresso con i convogli della linea regionale Roma-Viterbo che hanno accumulato ritardi fino a 90 minuti. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento