Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

IV Municipio: tutte le modifiche al Tpl in arrivo da Settembre

Approvato in Consiglio l'atto che contiene le modifiche richieste dal Municipio sulla rete Tpl, che dovrebbero entrare in vigore già da Settembre
Torna a IV Municipio: tutte le modifiche al Tpl in arrivo da Settembre

Commenti (14)

  • Prepariamoci a farci a piedi ogni mattina il tratto che va dall'ex Cinema Espero (ora Sala Bingo) alla Batteria Nomentana in attesa di assalire in centinaia il primo che passa (nessuno stante le proposte).Se rimettono i Jumbo si bloccheranno sempre lì, nel punto che vi ho citato, era questa la ragione per cui decisero di toglierli da Largo Pugliese, lasciando quel tipo di vettura per il rimpianto 90D che passando per Jonio e poi V.le Carnaro, non subiva i problemi di surriscaldamento e perdita di pressione di quelli che si facevano 4 semafori a P.zza sempione. Sismo rovinati definitivamente.E gli ci sono volute pure 3 sedute per deliberare sta str....ata, dove???Sul wc forse..

    • Hai fotografato in pieno la situazione. Quei mezzi sono del tutto inadeguati. Vecchi, inquinanti, soggetti a malfunzionamenti e difficili da manovrare in città. A noi il biglietto più caro e un servizio peggiore...

  • Cara Antonella fai come me viaggia gratis.

    • con la fortuna che mi ritrovo incontro in un giorno tutti i controllori che non ho visto in 2 anni eheheh

  • ma tu guarda che macello hanno fatto. ma che è? devono rimettere tutto come prima e magari, dopo rivedere questa rete. Prima arrivavo a gianicolense con un biglietto da 75 adesso devo timbrarne 2 da 100. Non intendo buttare altri 35 euro per il mese di agosto. a parte il fatto che sarebbe cosa onesta abbassare il costo della'abbonamento del 70 o 80% nei mesi in cui le corse sono ridotte. questo a prescindere dalla nuova tpl. i cittadini del IV municipio dovrebbero essere tutti rimborsarti. aumentano i costi però ci metto 3 volte il tempo di prima a raggiungere termini... con infiniti sali e scendi da un autobus all'altro e tempi di attesa indefiniti... e lasciamo perdere la maleducazione degli autisti. hanno fatto tutto questo per creare la centralità a conca d'oro per favorire la metro... questa metro non serve a nulla se abiti oltre conca d'oro e ci impieghi un'ora per raggiungerla.. voglio andare a termini con un solo autobus come prima anche perché così io non vedo quale sia il miglioramento perché devo pagare di più per stare peggio di prima? questa è una truffa.

  • Andiamo bene si rimettono in circolo i mezzi da 18 metri che bruciano carbone...Il biglietto aumenta e gli autobus continuano ad essere quelli dei tempi che furono, più inquinanti delle ciminiere.

    • Avatar anonimo di Pippo
      Pippo

      Cara Viviana, sulla carta inquina meno uno da 18 di due normali. Piuttosto mi chiedo come diavolo ci fanno a passare, nelle ore di punta, per piazza Sempione. IMPOSSIBILE.

      • Sulla carta...Visto che gli autobus da 18 metri hanno oltre 10 anni. Non hanno neppure l'aria condizionata quei jumbo lì e vanno sotto in pressione spesso quando sono carichi. Servono vetture nuove (a metano) e piccole che non abbiano problemi di incastrarsi alla prima curva.

  • Ma un autobus che da Viale Jonio-Capraia arrivi a Porta di Roma niente????

    • Per andare a Porta di Roma adesso si può prendere l'84 a via Capraia e poi il 38 o il 341 a via delle Vigne Nuove. In alternativa recarsi a via di Val Melaina e il 38 o l'80 portano diretti al centro commerciale.

  • MA NEL MUNICIPIO NON RAGIONANO!!!!!! Che Significa dividere l'80 in due linee separate??? E poi questo 80B non chiamatelo così, ma in un altro modo, che potrebbe generare solo confusione e basta. Vogliono rimettere una brutta copia dell'80L che non esiste più, con la sola differenza che invece di andare a Largo Valsabbia arriva fino a Porta di Roma, ma che significa? Via di Monte Cervialto potrebbe essere servita benissimo prolungando la linea 89 da Annibaliano fino a Vimercati, appunto, così questo 80B non servirebbe nemmeno metterlo, perchè si userebbe benissimo l'80 per raggiungere Piazza venezia e la Piramide. Ottimo il prolungamento invece del 337 e il ripristino del 339 e 349 nei giorni festivi, che non c'è più il 36F.

  • Magnifico, il consulto è per il placebo alla "nuova"(!?!?) mobilità nel IV Municipio di Roma. Significa qualcosa se Roma, compreso il IV Municipio, è da 6 anni – ufficialmente: DPCM 4.8.2006 – in "emergenza da traffico e mobilità". Sappiamo tutto sul “traffico” perchè si vede e ci distrugge. Invece, per quanto riguarda la "mobilità" dimentichiamo che comprende la "mobilità pedonale", quella "ciclistica”, quella "TPL" e quella "privata"; tutte queste mobilità hanno l’uguale dignità ed i pari diritti sulla “strada pubblica, bene comune”. A Roma tracima la "mobilità privata" (56%) ed è inconsistente quella "TPL" (18,2%: ATAC+COTRAL+METRO+TRENITALIA+TAXI); mentre sono desaparecidos la "mobilità pedonale" e la "mobilità ciclistica" (pur essendo il 25,8%). Tutto questo produce 1 morto ogni 2 giorni e 70 feriti al giorno insieme a paralisi, inquinamenti, nervosismo-violenza-stress, paura, illegalità diffusa, immenso degrado di: marciapiedi, sedi stradale, segnaletica orizzontale e verticale. Di fronte a questo tragico quadro, nel IV Municipio arriva la Metro (che, in questo caso, si scrive Metro ma si legge "via di ferro con transito di treni"). Dopo 50 anni (PRG 1962 - 2012) e durante una crisi epocale mondiale ed una emergenza cittadina dichiarata ma ignorata (non aggredita), nel IV Municipio arriva la Metro e ci facciamo trovare distratti ed impreparati. Non solo. Continuiamo il nostro tran tran e, per questo, anche la Metro assume il ruolo di maledizione. Anche il VeloOK diventa una maledizione. Anche i normali attraversamenti pedonali e la dovuta segnaletica (verticale ed orizzontale) diventano una maledizione. E' maledizione chiedere i normali marciapiedi, le "piste ciclabili", le "corsie riservate" (contrabbandate con le fallite e ridicole "corsie preferenziali"). Assume un ruolo benefico (è bello, buono e bravo) chi rompe i VeloOK, chi parcheggia il proprio veicolo sulla strada, davanti casa o negozio. E' fuori di testa, invece, chi chiede l'umanizzazione di questa barbara Roma iniziando dalla mobilità con l'aggressione all'emergenza: istituzione di vaste aree a Z30 (velocità consentita di 30 km/h); marciapiedi normali e civili; rete di "piste ciclabili" sotto i marciapiedi; rete di "corsie riservate" sotto i marciapiedi; ZERO parcheggio veicoli privati alle stazioni Metro (e dintorni), escludendo le stazioni Metro a ridosso del GRA (dove realizzare i parcheggi di scambio). I parcheggi di scambio nella città – attrattori di traffico – incrementano l’emergenza e la barbaria. Un parcheggio sui binari della FS della stazione Termini ......... Nel mondo, solo a Roma possono pensare e realizzare simili nefandezze. E pensare di risolvere qualche problema utilizzando le Olimpiade del 2020: candidiamo Roma; la scelgono; facciamo qualcosa. Camminacittà ha ritenuto tale candidatura assurda, pericolosa e controproducente alla credibilità (che si andava recuperando) ed ha ufficializzato il suo dissenso nella sede decisionale uscendone soddisfatta e contenta di aver riscontrato un simile positivo risultato. Altro pensiero è stato quello di vendere parte dell’Acea acqua SpA per “200 milioni di euro per intervenire su marciapiedi, sulla manutenzione stradale, sulle metropolitane” (Corsera, 25.7.2012, pag. 23), sostenuto dal Sindaco di Roma dopo la ordinanza del Consiglio di Stato. (L’ADP trova conforto alla sua opposizione alla citata vendita.) Tutto questo dimostra che l’emergenza del DPCM 4.8.2006 può durare oltre 200 anni: a chi giova?

  • ma un autobus che porta direttamente al di là del tevere potrebbe essere previsto?

    • magari.. ma non puoi chiedergli una cosa così difficile :D non ce la fanno gli scoppia la testa già stanno a lavorà troppo :D

Torna su
RomaToday è in caricamento