Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Tivoli: firmata ordinanza antiprostituzione, multe di 500 euro ai clienti ed alle adescatrici

L'atto è stato firmato dal sindaco Giuseppe Proietti ed avrà valenza dal 15 di novembre sino al 15 giugno del 2019
Torna a Tivoli: firmata ordinanza antiprostituzione, multe di 500 euro ai clienti ed alle adescatrici

Commenti (9)

  • la prostituzione e' ora di legalizzarla e renderla una libera professione, alla portata di tutti ( etero ed omo). E' lo sfruttamento che va punito. Ridicole le ammende ai clienti e ancor piu' se "adescatrice". Che poi, il termine, e' al femminile. Quindi, quella maschile,e' immune. Ma tanto si sa che son sempre le donne a rimetterci. Basti rifarsi a quel Sindaco Leghista di Novara che vorrebbe vietare la minigonna e simili. Se l'adescare e' un reato, mi par che tutte le vetrine dei negozi svolgano la stessa funzione..........

  • Bravo il sindaco di Tivoli. È scandaloso assistere nell’impotenza a questa nuova forma di schiavitù.

    • A prescindere dai riti voodoo, in ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali ed ad una certa tarda ora di notte, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa. Mai credere alle mistificazioni meretriciofobiche.

  • era ora spero solo l'inizio!

  • Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell'Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico. P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011).

    • A Fra...guai a ki ti tocca questo argomento...pure quá sei venuto a mettere mano :-)

      • Certo. Al fine di difendere la mia classe sociale.

        • Si nu "mostr" :-) ciao Criminal d Fogg

          • Come sempre in prima fila.

Torna su
RomaToday è in caricamento