Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Ignazio Marino in bicicletta sulla via Nomentana

Il primo cittadino ha percorso la consolare sulla sua due ruote scortato da due agenti della Polizia Locale di Roma Capitale per andare al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Montesacro
Torna a Ignazio Marino in bicicletta sulla via Nomentana

Commenti (19)

  • Quello che mi meraviglia è la nostra meraviglia per un politico che va in bici e le polemiche che ne derivano. Fuori dall'Italia, i politici non hanno la scorta e se vogliono andare in bicicletta. Guardate Papa Francesco che rivoluzione sta portando in Vaticano. Se ci fossero più politici a comportarsi come Marino, molte cose potrebbero cambiare

  • Ma non lo dite che ha anche l auto di scorta civetta

    • più che altro chiedi alla scorta quanto è felice di andargli dietro in bici...

      • I poliziotti municipali che sono a bordo di biciclette sono volontari che hanno scelto e sono stati "addestrati" a svolgere la loro funzione in bicicletta, quindi sì: credo proprio che siano felici di andargli dietro in bici :)

  • @Marco ..ma cosa dici ?? è assolutamente falso che le autorità possano passare nelle preferenziali !! solo i mezzi di polizia e di soccorso IN SERVIZIO possono passarci

    • Non ne sono così sicuro: (Dal sito del comune di Roma: http://www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?contentId=NEW119425&jp_pagecode=newsview.wp&ahew=contentId:jp_pagecode) "Sono autorizzati al transito nelle corsie preferenziali i seguenti veicoli: -veicoli con permesso"X" con logo barrato di cui alla delibera n. 554 del 26/09/2001; -mezzi adibiti a trasporto disabili; -ambulanze; -veicoli per il trasporto sangue ed organi; -mezzi di trasporto pubblico; -autobus in servizio di linea; -taxi; -autovetture noleggio con conducente (NCC), art. 11 comma 3 Legge 15/01/1992 n. 21; -car sharing come regolamentato per il servizio taxi di cui alla delibera n. 440 del 23/12/2008; -mezzi adibiti alla pulizia delle strade; -veicoli delle forze dell'ordine; -altre categorie con specifiche autorizzazioni (Poste, Banca d'Italia, ecc.)." Bisognerebbe sapere se alle "altre categorie" appartiene anche lo spostamento in funzione della carica. :)

      • no non rientra ..."tanto per" ricordi per caso un servisio delle iene su una presentatrice bionda diventata parlamentare ?

  • Che sulla preferenziale le istituzioni ci possano passare non è una novità (non so neanche se lo trovo così ingiusto, per quanto non siano mezzi pubblici)...cioé....il vostro fastidio è per il fatto che ci è andato in bici o per il fatto che ci passi e basta? Perché, dato che andando in auto ci potrebbe passare, ed esercitando in quel momento il ruolo istituzionale (poiché si stava spostando non per cose private) allora è come se avesse avuto l'auto blu, quindi non lo vedo un grande scandalo.

    • Ciao, nessuno scandalo, io sono felice di vedere il mio sindaco in bici, Ma dico che se io semplice cittadino voglio andare in bici non posso perchè nella preferenziale mi fanno la multa ed in mezzo alla strada mi uccidono. Le piste ciclabili non esistono. Quindi questa propaganda pro-bici mi disturba un pò. Facciamo le piste, almeno iniziamo e poi facciamo la propaganda pro-bici.

      • Credi che la pista ciclabile risolverebbe il problema? Io credo di no...perché? Non credo che sia possibile (né civile, entro un certo limite) che si faccia una pista da casa mia (Vigna Murata) che passi per ardeatina, grotta perfetta, via colombo, circonvallazione ostiense, ostiense, fino a piazza Bottego. Trovo molto meglio e molto più civile che vi siano piste ciclabili sulle arterie maggiori e vie ad alte scorrimento e che un ciclista possa andare tranquillamente e serenamente sulle altre strade (magari con limite 30km/h? ;) ). E' molto più realista, concreto e civile, piuttosto che costruire un "ghetto" riservato ai ciclisti su tutte le strade, che è un obiettivo, francamente, irraggiungibile rispetto all'educazione e all'imposizione di un limite più civile. :)

        • Bho non so cosa sia meglio. Di certo le strade a roma sono cosi strette che non è pensabile di ricavare le ciclabili. Ma è altrettanto certo che se ci fossero clicabili nella mia zona lascerei molto volentieri a casa auto o motorino per andare in bici...

          • E se ci fosse il limite a 30km/h? ;) E' ovvio che poi, scendendo nel dettaglio, ognuno ha le proprie difficoltà :)

  • io l'ho votato ma effettivamente nelle corsie preferenziali in bici non si può andare, altro che complimenti!

    • leggi la mia risp.

  • a lui la multa se va nella carreggiata riservata ai mezzi pubblici non gliela fanno eh?

    • leggi la mia risp...

Torna su
RomaToday è in caricamento