Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Incendi Centocelle, il Baraka riaprirà: al via i lavori. "La notizia della palestra mi ha portato indietro di 7 mesi"

Siamo tornati al Baraka Bistrot, il locale completamente distrutto da un incendio lo scorso novembre e con i lavori ormai pronti partire

 

“Proprio ieri ho firmato il progetto dei lavori con l’architetto, e vengo a sapere dell’incendio alla palestra Haka. Sono tornato indietro di 7 mesi”. Marco Nacchia è allibito. Questo forse è il termine più adatto per trasmettere il suo stato d’animo. Quello di una persona che, con enormi sacrifici e dopo tutti questi mesi di chiusura finalmente vede i lavori all’interno del suo locale prendere forma, ma con l’incubo dei roghi ai locali di Centocelle che ritorna.

Il Baraka Bistrot di via dei Ciclamini fu distrutto da un incendio doloso lo scorso novembre. Dopo che la pinseria 55Celle e la Pecora Elettrica, per due volte, subirono lo stesso destino. “Io sono sette mesi che non lavoro - racconta Nacchia, con il bistrot come unica fonte di reddito per la sua famiglia -. Dopo un iniziale ‘non apro più’ ci ho riflettuto ed eccoci qua. Ma pensavo che tutto questo fosse finito. Invece eccoci di nuovo con la stessa paura. Perché la sicurezza che tanto abbiamo chiesto all’epoca dei fatti non è mai stata garantita”.

Incendi a Centocelle, dopo la cultura e la ristorazione colpito lo sport: "Siamo combattenti, lunedì riapriamo"

Per Nacchia resta comunque la convinzione di voler ripartire, con la forza di chi, come il titolare della palestra Haka, non vuole cedere alla paura. “Ho visto che la sindaca è andata alla palestra e la regione sta facendo la sua parte, anche con gli incentivi che di fatto mi hanno permesso di poter riaprire - dice -. Spero però che qui qualcosa cambi davvero”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento