Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | Morire di tumore a soli 8 anni: la storia di Neja, piccola vittima della Valle Galeria

Il racconto straziante della mamma di Neja, portata via da un tumore rarissimo in soli 8 mesi: "Basta morti"

 

“Continuo a lottare perché non voglio vedere altri bambini morire, come mia figlia Neja”. Con queste parole Laura Ruggeri inizia a raccontare il dramma che, nell’ottobre del 2016, ha colpito la sua famiglia residente a Piana del Sole, a pochi chilometri di distanza dalla discarica di Malagrotta. Un glioblastoma multiforme, tumore rarissimo al cervello, si è portato via questa bambina di soli 8 otto anni e in pochissimi mesi. “Ha avuto un malore all’improvviso e l’abbiamo portata di corsa all’ospedale - racconta Laura - mai avrei immaginato che potete essere un tumore. In soli otto mesi ho visto Neja spegnersi. Quando era ormai troppo stanca le ho detto di andare”. Laura ha un figlio più grande di 16 anni, e uno in arrivo: “Non lo aspettavamo - dice - ma è come se vuol significare che la vita va avanti. Meritiamo però di vivere sereni, questa zona va assolutamente bonificata”.

UNA NUOVA DISCARICA DI AMIATO E INERTI NELLA VALLE GALERIA

Un battaglia che Laura porta avanti insieme ad altre famiglie della zona che hanno peso un famigliare per tumore, assistiti dall’associazione Raggio Verde: “Le indagini vanno avanti dal 2011, quando numerose famiglie della zona hanno effettuato degli esposti - spiega Vittorina Teofilato, avvocato di Raggio Verde - lo studio epidemiologico effettuato dalla Asl nel 2013 ha confermato la numerosa presenza di patologie tumorali negli abitanti della Valle Galeria, una zona di Roma che vede la presenza di diversi impianti inquinanti, oltre alla discarica di Malagrotta. Queste famiglie meritano verità”.

Con le indagini che vanno avanti. Il Gip di Roma, Massimo Battistini ha infatti annullato la richiesta di archiviazione nel procedimento con il quale si vuole verificare il collegamento tra i morti e l’inquinamento della zona. “Una decisione importante - continua Teofilato - la magistratura è tenuta a dare delle risposte ai cittadini”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento