Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | L'ultimo saluto a Tina Costa, storica partigiana che ha fatto della libertà la sua ragione di vita

La camera ardente per Tina Costa, staffetta partigiana scomparsa all’età di 94 anni, allestita nella Casa della Memoria di Trastevere

 

Lacrime e commozione alla camera ardente di Tina Costa, storica staffetta partigiana scoparsa all'età di 94 anni lo scorso mercoledì, e che fino all’ultimo non ha mai smesso di percorrere le piazze in difesa della libertà e dei diritti. A darle l’ultimo saluto molti giovani, portatori della sua eredità. “Era una donna straordinaria, una combattente - dice Fabrizio De Sanctis, presidente provinciale Anpi, con la voce rotta dalla commozione -, persone come lei non muoiono mai, lottano accanto a noi”.

In visita al feretro di Costa anche il segretario del Partito democratico, e governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: “Il messaggio che voglio lanciare ai ragazzi e alle ragazze che in questi giorni stanno riempiendo le piazze per un mondo migliore, è che se possono farlo è anche grazi a donne come Tina Costa, che hanno rischiato la vita per la nostra libertà”. Presenti anche i mini sindaci Amedeo Ciaccheri e Sabrina Alfonsi, il vice presidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio e l'amico di sempre, il partigiano Mario Di Maio.

Ma intorno a Tina Costa si stringono gli amici e i famigliari, mentre dalle casse allestite all'esterno della Casa della Memoria, si può sentire la sua voce. Parte dei tanti interventi in piazza, o negli incontri con gli studenti, in cui si riesce a percepire un unico messaggio: “I giovani devono prendere le redini di questo paese, come abbiamo fatto noi nel lontano 1943”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento