Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Coronavirus, parenti dei detenuti in protesta fuori da Rebibbia: caricati e portati via dalla polizia

Dal tentativo di protesta di alcuni familiari dei detenuti all'intervento degli agenti: le immagini fuori dal carcere romano di Rebibbia, giovedì 16 aprile

 

Presi di peso, trascinati e infilati a forza all’interno del pulmino della Questura. Sono otto i fermati di fronte al carcere romano di Rebibbia nella mattina di giovedì 16 aprile. E' il bilancio del presidio di protesta voluto ed organizzato da figli, mogli e nipoti dei detenuti, ancora "in attesa di risposte". Il tutto avvenuto davanti a quel cancello del penitenziario utilizzato da loro stessi per la consegna dei pacchi o  per i colloqui, sospesi da quando è iniziata l’emergenza Coronavirus.

I familiari dei detenuti, prima di presentarsi di fronte a Rebibbia, avevano tentato la strada delle istituzioni con una lettera inviata alle autorità qualche giorno fa. “Non è una pasqua comune , - si legge nella missiva -, ormai è ben chiaro a tutti che questo dannato virus trova terreno fertile in luoghi affollati e chiusi, il dramma di ciò che è accaduto all'interno delle residenze per anziani è agli occhi di tutti. Sappiamo che bisognerebbe fare uscire circa diecimila detenuti per raggiungere la capienza massima all'interno degli istituti di pena - continua la lettera dei famigliari -, questo è quello cui auspichiamo. Ciò che più speriamo è che si prenda in considerazione con serietà la situazione all'interno delle carceri e che, grazie alla Pasqua, prevalga un sentimento di compassione rispetto a quello di vendetta”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento