Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Centinaia di pesci morti nel fiume Tevere, Marevivo: “Di chi è la colpa?”

Le immagini delle carcasse dei pesci trovati nel fiume Tevere, dal centro di Roma fino a Marconi. Le ipotesi in attesa delle analisi effettuate dalla Asl

 

Centinaia di pesci morti che galleggiano sulle sponde del fume Tevere. Dall’isola Tiberina a Marconi. Una scena tanto raccapricciante quanto allarmante quella che si sono trovati davanti i romani a partire dallo scorso 31 maggio.

Carcasse finite ora sul fondo del fiume o trasportate via dalla corrente, “ma che non possono essere dimenticate” dice Rosalba Giugni, presidente dell’associazione ambientalista Marevivo. “Non è la prima volta che accade - continua Giugni -, ma dobbiamo scoprire di chi sono le responsabilità per evitare che accada di nuovo”. Dalle tante segnalazioni ricevute, Roma Capitale ha avviato un’indagine attraverso la Asl Roma 1, di cui si attendono ancora i risultati.

“Anche qui a Marconi abbiamo assistito a questa moria di pesci - spiega Claudio Sisto della protezione civile fluviale esperto del fiume Tevere e fotoreporter -. Quel che è certo è che non si tratta di uno sversamento di inquinanti perché ne avrebbero dovuti scaricare in forte quantità per avere degli effetti simili. Credo sia più una questione legata al basso livello delle acque o della conseguenza delle ultime forti piogge che hanno smosso i sementi inquinanti del fiume”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento