Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | Omicidio Cerciello Rega, cinque ore di rilievi dei Ris nella stanza d'albergo dei due americani

Mattinata di rilievi da parte dei Ris dei carabinieri nella stanza dell'hotel Le Meridien in cui soggiornavano i due giovani americani arrestati

 

E’ durato più di cinque ore il sopralluogo effettuato dai Ris dei carabinieri stamattina, martedì 6 agosto, nella stanza 109 dell'hotel Le Meridien dove alloggiavano e dove sono stati arrestati Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth, i due giovani americani accusati dell'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. Accertamenti a cui hanno potuto assistere anche gli avvocati dei due statunitensi, Roberto Capra e Fabio Alonzi. Presente anche il legale della vedova di Cerciello, Massimo Ferrandino. "Adesso si passerà alle analisi dei dati raccolti, ma ci vorrà del tempo” spiega Fabio Alonzi, difensore di Hjorth, al termine del sopralluogo.

Il difensore di Elder: "Vogliamo i video di quella notte"

Gli investigatori hanno ricercato tracce "papillari e biologiche". Fari puntati anche nella zona del controsoffitto dove Elder e Natale la notte dell'omicidio del carabiniere nascosero il coltello e i vestiti.  Si vuole capire chi abbia toccato cosa. Se fossero trovate impronte di Gabriel Natale Hjorth nel luogo dell'occultamento dell'arma sarebbe difficile per la difesa continuare a sostenere che lui non ne sapeva niente del coltello dal marines portato dal Finnegan Lee Elder.

Chi indaga cercherà anche eventuali impronte di terzi e se, nella stanza, ci siano o meno tracce di stupefacente o appunti scritti dai due, indizi utili per ricostruire i collegamenti e le conoscenze degli americani.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento