Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | Liceo Manara occupato, gli studenti: "Contro un sistema politico che ci penalizza"

L'iniziativa di protesta degli studenti del Liceo classico Manara stamattina, martedì 5 novembre. Lunga trattativa con la dirigenza scolastica

 

Il loro documento politico è affisso sul cancello d’entrata della scuola. Cori, slogan e qualche fumogeno. Poi quel “tutti insieme famo paura” che spesso si sente inneggiare durante i cortei studenteschi. Il Liceo classico Luciano Manara di Monteverde è stato occupato. La prima iniziativa politica studentesca di questo genere della stagione, che ha visto un gruopo di studenti accedere nel plesso intono alle 5 del mattino per poi chiudere gli accessi.

I motivi della loro protesta vanno dal macro sistema dell’istruzione in Italia, alla difesa dell’ambiente, fino alla denuncia di una gestione del plesso ritenuto inadeguato: “Siamo arrivati al punto che una scuola per sopravvivere deve aumentare in maniera esponenziale le iscrizione, anche più di quelle che potrebbe contenere - spiega Filippo Gattini, rappresentante d’istituto del Manara -, questo ci ha privato dell’aula autogestita, della sala professori e della biblioteca”.

Tra un “Bella Ciao” e “Contro la scuola dei padroni, dieci cento mille occupazioni”, intonati dai ragazzi sistemati all’interno del cortile, fuori ci sono i professori a cui non è stato consentito di entrare, gli studenti contrari alla protesta e parte dei genitori. “La nostra intenzione è di andare avanti, abbiamo programmato attività ed incontri fino a domenica - continua Gattini -, rispetto allo scorso anno vedo più partecipazione e abbiamo predisposto un servizio d’ordine a tutela della scuola”. Nel mentre la lunga trattativa tra studenti e dirigenza scolastica, che prova a trovare un punto di incontro con i ragazzi e consentire così l’accesso alla scuola del corpo docente.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento