Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | Best Practices Awards 2019, dal sociale ai progetti innovativi. Mamma Roma premia i suoi figli migliori

La cerimonia di premiazione di “Mamma Roma premia i suoi figli migliori” nell’aula magna della facoltà di Architettura a Testaccio

 

Centinaia le persone che hanno preso parte alla cerimonia di premiazione del Roma BPA (Best Practices Award), giunto alla sua terza edizione e che ha lo scopo di valorizzare le realtà romane più virtuose mettendole in contatto con gli sponsor, chiamati a contribuire alla realizzazione dei loro progetti. Quest’anno Roma BPA ha visto la partecipazione di più di 100 realtà partecipanti tra scuole, associazioni e singoli cittadini. Vincitori per la categoria “Roma Parla bene” i ragazzi di Romanima, per la categoria “Roma Coltiva bene” Humus Feroniae, per la categoria “Roma tvb” Roma Beni Comuni, per la categoria “Roma Innova bene” Equoevento, per la categoria “Roma si muove bene” il Teatro Verde con l’Apeteatro, per la categoria “Roma Accoglie bene” Romaltruista, per la categoria “Roma studia e cresce bene” il Liceo Gullace.

In tutto 34 i progetti finalisti che hanno ricevuto il sostegno per realizzare i propri progetti. “Una giornata emozionante e una boccata di ossigeno per la città – dice l'ideatore e presidente del premio Paolo Masini -. Il premio vuole riconoscere, sostenere e mettere in rete le tante realtà che tengono in piedi questa città. Lo facciamo grazie all’aiuto di imprese che ‘restituiscono’ ai quartieri della città parte dei loro utili in finanziamenti, beni o servizi. E’ la nostra idea di ‘città-comunità’ che in questi anni sta prendendo sempre più forma”.

Il premio per il “Miglior figlio di Mamma Roma 2019” è andato al quindicenne di Torre Maura Simone, premiato dall’attore Andrea Rivera che gli ha dedicato il suo monologo sui quartieri di Roma, dal cantautore Luca Barbarossa che gli ha donato una copia autografata del ultimo lavoro “Roma è de tutti” e dal vignettista Mauro Biani una copia autografata della vignetta dedicata  a lui. “Quest’anno abbiamo voluto lanciare un’altra novità - continua Masini -. Dopo gli episodi di Torre Maura, e le parole di Simone,  abbiamo deciso di sottolineare dal 2019 in poi con un premio,  un gesto significativo  avvenuto in città. Quello di Simone, tanto più alla sua età ci è sembrato davvero il più importante”.

La giuria del Premio: Luca Barbarossa, Lorenzo Tagliavanti, David Vecchiato, Carlo Fontana,Rebecca Spitzmiller, Daniel Tarozzi, Daniele Grassucci, Elisabetta Pallottino, Erminia Manfredi, Francesca Danese, Gildo De Angelis, Giuseppe Roma, Alberto Versace, Massimo Vallati, Sabrina Florio, Roberto Orsi, Andrea Rivera, Marino Bisso, Alvaro Moretti. Nel corso della mattinata sono stati presentati gli altri progetti che vedono coinvolto il Roma BPA. La collaborazione con il disco Itaca di Alessandro D’Orazi sui personaggi di San Basilio, il film “Frammenti” il primo  in Italia girato interamente da ragazzi e ambientato al Tufello, il concorso di corti “Mamma Roma e le città metropolitnae” con l’Isola di Roma ed il grande progetto “Sotto lo stesso cielo” sullo studio delle stelle, il cui primo appuntamento sarà con “a Riveder le stelle”,  il flash mob in programma  venerdì 24 maggio al Gianicolo per il Fridays for the future, rigorosamente con il naso all’insù e armati di telescopi e binocoli sotto la guida dall’astrofisico Gianluca Masi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento