Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Covid-19, al centro storico di Roma è ancora fase uno: strade deserte e negozi rimasti chiusi

La voce dei commercianti della zona intorno alla Fontana di Trevi che, come tutto il centro storico e monumentale di Roma, vive ancora una situazione da "fase uno"

 

Sembra a tutti gli effetti di essere ancora in fase uno. Nel monento in cui, a causa della quarantena, si vedevano strade deserte e serrande dei negozi abbassate. Invece siamo al 19 maggio, post lockdown, ma per il centro storico e monumentale della Capitale questo non ha avuto molto effetto. Dove l'assenza dei turisti mostra la fragilità di un sistema centrato solo turismo e uffici.

Siamo nella zona di Fontana di Trevi, dove sono molti i commercianti che hanno scelto di non aprire. Ma parliamo anche di alimentari, edicole e tabaccai, ovvero quelli a cui le chiusure imposte per il lockdown non hanno mai riguardato.

E tra quelli che invece hanno scelto di aprire non resta che sperare in tempi migliori: "Siamo partiti ovviamente a rilento, ma sono contento di vedere qualche romano in più che viene in centro e ci conosce", dice il titorale di una gelateria artigianale a pochi passi dalla Fontana di Trevi. "Non possiamo lavorare con gli stranieri, gli uffici sono in smart working e romani qui non ci sono più - sottolinea il proprietario di un negozio di scarpe proprio di fronte al bellissimo monumento -. In più la sindaca Raggi non ci da certo una mano perchè basterebbe arpire la ztl per permettere alle persone di raggiungere meglio il centro storico".

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento